Lunedì, 25 Ottobre 2021
Network

Crisi coronavirus, Juncker: Olanda 'irresponsabile' su Mes e eurobond

L'ex presidente della Commissione europea, considerato dai suoi avversari un simbolo delle politiche di austerity, spezza una lancia in favore di Italia e Spagna

Gli eurobond sono un "gesto di solidarietà" e il 'no' dell'Olanda alla loro creazione e all'allentamento delle condizionalità sul Mes "è irresponsabile". Lo ha detto l'ex presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, in una intervista al francese Libération.

Considerato per anni il braccio armato dell'austerity in Europa e il protettore dei paradisi fiscali, e attaccato soprattutto da Lega e 5 stelle, oggi Juncker sembra posizionarsi proprio sulle posizioni di questi ultimi, che poi sono le richieste dei governi di Italia e Spagna. Secondo il politico lussemburghese, bloccare il ricorso al Mes "perché ostinatamente, ideologicamente, religiosamente ci atteniamo all'attuazione di una severa condizionalità è irresponsabile", ha detto, sostenendo di "non comprendere" l'inflessibilità dei Paesi Bassi sugli eurobond. "Escluderli dall'arsenale europeo sembra miope", ha avvertito.

 La posizione dei Paesi Bassi sugli eurobond "consiste nel dire che non devono pagare i debiti degli altri: ma non si tratta di mutualizzare i debiti del passato, ma di organizzare il futuro finanziamento dei costi della crisi", ha chiarito l'ex presidente della Commissione Ue, sottolineando che il Mes "non sarà sufficiente per rilanciare" l'economia. Juncker ha bollato come "curiose, erronee e scandalose" le parole del ministro delle Finanze olandese Wopke Hoekstra "che ha chiesto un controllo delle politiche di bilancio dei Paesi del Sud". Se mancherà la "solidarietà necessaria", ha aggiunto, ci sarà "il rischio che i Paesi del sud si allontanino dall'Ue".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi coronavirus, Juncker: Olanda 'irresponsabile' su Mes e eurobond

Today è in caricamento