I foreign fighter non sono la minaccia, il terrorista di oggi si coltiva in casa

Studio dell'intelligence statunitense, in Nord America come in Europa la principale minaccia è costituita da jihaidisti che si radicalizzano in internet

EPA/JUSTIN LANE

Fanno paura i jiahidisti di ritorno dalla Siria, dall'Irak o dalla Libia, i presunti terroristi infiltrati tra i migranti, come accusa il ministro degli interni Minniti? Sono forse una minaccia, ma assolutamente non la principale, almeno secondo uno studio dei servizi di intelligence nordamericani. Gli attentati, assicura uno sturio del think tank New America, saranno in un futuro prossimo principalmente frutto di jihadisti allevati in casa, indottrinati via internet e praticamente impossibili da tracciare. 

L'allarme di Minniti: "non sono esclusi foreign fighter tra i migranti"

"Non ci saranno quasi certamente più, in Francia come in Amercia o altrove, dei grossi attentati teleguidati da lontano, come quelli del 13 novembre a Parigi", spiega all'agenzia AFP Marc Sageman, ex agente della Cia in Pakistan ai tempi della jihad anti-sovietica nel vicino Afghanistan, "ormai chi fa degli attentati, negli Stati uniti o in Europa, non è più teleguidato dallo Stato Islamico ma si mobilita solo, si immagina soldato di una comunità islamista idealizzata o, per meglio dire, immaginata, che lui vuole difendere o vendicare.

La loro stanza il loro santuario

Secono le cifre raccolte da New America, l'85 % delle 415 persone accusate di crimini legati al terrorismo islamista negli Usa dopo l'11 settembre erano dei cittadini nordamericani o dei residenti con un legale permesso. La metà, ossia 207, erano nati negli Usa. Il profilo dei terroristi islamici Made in Us è anche estremamente banale: meno di un quarto di loro aveva avuto dei problemi con la giustizia a stelle e strisce, contro una media della popolazione di un terzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il loro santuario è la loro stanza", chiarisce Thomas Sanderson, direttore del Transnational Threats Project del CSIS, il Center for strategic and international studies (CSIS), "sono praticamente impossibili da individuare a meno che non facciano degli errori nella preparazione degli attentati o a farsi notare su internet, ma se sono prudenti non c'è niente da fare, questi personaggi montano sul loro pick-up e uccidono 20 persone". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento