Giovedì, 24 Giugno 2021
Network

Allarme a Chernobyl, segni preoccupanti che nella centrale la radioattività torna a crescere

Il rischio concentrato in una stanza sotto il reattore distrutto, dove mai nessuno è entrato dalla tragedia, visto che i livelli di radiazioni sono ancora mortali a causa. L'idea è mandare un robot per provare a capire meglio cosa sta succedendo

La centrale di Chernobyl coperta dalla struttura protettiva - foto archivio Ansa EPA/SERGEY DOLZHENKO

Stanno destando preoccupazione in Ucraina i segni di un aumento della radioattività in uno dei reattori, ormai fuori uso, dell'impianto di Chernobyl, la cui esplosione causò il primo e più grande disastro nucleare della storia nel 1986. Diversi scienziati ucraini dell'istituto di ricerca locale avevano avvertito in una conferenza, già il mese scorso, che i sensori stavano rilevando un aumento dell'attività dei neutroni nella stanza 305/2, che non è stata visitata né da umani né da robot, dalla tragedia avvenuta ormai quasi 40 anni fa. La stanza si trova sotto il reattore distrutto e non è possibile accedervi a causa dei livelli di radiazioni mortali e del calcestruzzo che vi è stato versato durante l'operazione di pulizia iniziale Il timore è che ora in quella stanza possa innescarsi un evento critico, come ad esempio livelli di radiazione che salgono 10 volte superiori a quanto considerato normale, o che le pareti del buco del reattore, che sono già danneggiate, possano sgretolarsi ulteriormente e la struttura potrebbe cadere interamente all'interno la sua nuova copertura.

La centrale, dal 2019, è completamente avvolta in una struttura ad arco in acciaio nota come New Safe Confinement, installata per evitare che la pioggia o qualsiasi elemento esterno potesse alimentare reazioni di fissione. Come riporta la Reuters il personale dell'impianto ha affermato che l'aumento della "densità del flusso di neutroni", che se significativo potrebbe indicare una reazione nucleare incontrollata, al momento non rappresenta ancora una minaccia sulla base dei loro modelli matematici. Ma le cose potrebbero cambiare. Uno dei problemi è che al momento non è possibile determinare con precisione la situazione sotto il blocco distrutto. "Dopo l'istituzione di un nuovo confinamento sicuro che è rimasto nella posizione prevista per più di quattro anni, si è effettivamente osservato un aumento della densità del flusso di neutroni", hanno detto in una dichiarazione gli scienziati dell'Istituto ucraino per i problemi di sicurezza delle centrali nucleari con sede a Kiev. "Al momento, le letture dei sensori in tutte le stanze hanno valori stabili senza una tendenza al rialzo. I livelli attuali non rappresentano una minaccia di una reazione a catena autosufficiente", ha affermato la centrale di Chernobyl in un comunicato separato.

Ora però gli scienziati ucraini stanno cercando di capire se è probabile che la reazione di fissione svanisca o se avranno bisogno di elaborare un piano per combatterla. Come riporta il Telegraph, Roman Godun, che è il capo del dipartimento di sicurezza presso l'Istituto per i problemi di sicurezza delle centrali nucleari, ha avvertito il mese scorso che gli scienziati stimano che 75 tonnellate di materiali contenenti carburante all'interno di quella stanza sarebbero "sufficienti per la composizione critica". "Nessuno può essere sicuro di quanto materiale ci sia", ha aggiunto. L'idea è di provare a inviare un robot all'interno della stanza per monitorare meglio la situazione.

Il quarto rettore della centrale di Chernobyl, che si trova a 108 chilometri a nord della capitale Kiev, esplose nell'aprile 1986 durante un test di sicurezza fallito, nel peggior incidente nucleare del mondo. Nuvole radioattive sono arrivate in gran parte dell'Europa e decine di migliaia di persone sono state costrette a evacuare la zona. Mentre le squadre di soccorso e i vigili del fuoco lottavano per contenere il disastro, il reattore distrutto si sciolse, trasformando le barre di combustibile di uranio e tutto ciò che le circondava in una lava radioattiva che scorreva nelle stanze sotto la sala del reattore. Questo materiale alla fine si è indurito in quelli che vengono chiamati materiali contenenti carburante. Questi materiali duri come la roccia e intensamente radioattivi rappresentano ora una potenziale minaccia. Non è ancora chiaro il motivo per cui il conteggio dei neutroni sia aumentato, ma una teoria è che il confinamento stia causando una ulteriore essiccazione che starebbe provocando il decadimento del combustibile di uranio, emettendo neutroni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme a Chernobyl, segni preoccupanti che nella centrale la radioattività torna a crescere

Today è in caricamento