Navigare sicuri, le nuove regole per la privacy ai tempi di WhatsApp

La Commissione libertà pubbliche del Parlamento Ue ha approvato le nuove norme per la ePrivacy. Stop a cookies e spionaggio. Si attende negoziato con Consiglio Ue.

EPA/RITCHIE B. TONGO

La privacy si adatta ai tempi di WhatsApp e Facebook con il Parlamento Ue che ha compiuto il primo passo per mettere la protezione dei cittadini al passo dei servizi in linea più recenti e più utilizzati. La Commissione libertà pubbliche del Parlamento Ue ha infatti approvato per 31 voti a favore, 24 contro e un’astensione, un progetto di iniziativa legislativa che mira a rafforzare le tutele della vita privata, la confidenzialità e la sicurezza nelle comunicazioni elettroniche, dagli ormai obsoleti SMS a Skype, Messenger, Facebook e WhatsApp.

No a cookies e spionaggio

Il testo approvato dagli eurodeputati vuole inoltre interdire i cookies che bloccano l’accesso a siti qualora l’utente non intenda donare il suo accordo allo sfruttamento dei suoi dati personali. Altro fronte, quello dello spionaggio realizzato tramite i servizi di geolocalizzazione e l’accesso via wifi negli spazi pubblici e nei centri commerciali, pratiche che vanno, dicono dal Parlamento Ue, chiaramente interdette. Per assicurare una piena tutela della ePrivacy, i fornitori di servizi vengono invitati ad assicurare un livello di criptazione adeguato.

La Commissione Libertà pubbliche chiede inoltre dei limiti per lo sfruttamento dei dati personali, che non devono essere utilizzati al di fuori dei fini ai quali l’utente ha dato il suo benestare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima riforma da 2009

Il testo, che riforma la direttiva del 2009 sulla Privacy e le comunicazioni elettroniche, dovrà passare la settimana prossimo l’esame della plenaria, se approvato il Parlamento avrà un mandato per negoziare con il Consiglio, che però non ha ancora adottato la propria posizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento