La “Vespa cinese” non è un'imitazione: Piaggio perde la battaglia Ue

La sentenza del Tribunale europeo dà ragione alla società cinese Zhejiang: il suo modello non viola i diritti di proprietà intellettuale del più famoso scooter italiano 

Le sue forme sono spigolose, mentre quelle del più famoso concorrente sono arrotondate. E in generale, un consumatore attento come quello delle due ruote non si farebbe trarre inganno: dinanzi a due modelli simili, saprebbe scegliere la vera “Vespa”. Con queste motivazioni, il Tribunale dell'Unione europea ha rigettato il ricorso presentato nel 2014 dalla Piaggio per bloccare il commercio sul mercato Ue dello scooter della società cinese Zhejiang Zhongneng Industry Group, che ricorda molto da vicino il ben più famoso modello italiano, la Vespa LX.

I giudici europei, in sostanza, danno ragione alla decisione dell'Euipo, l'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale, che aveva dato l'ok alla registrazione del due ruote cinese. La Piaggio si era opposta a questa decisione sostenendo che lo scooter della Zhejiang è una palese imitazione di uno dei suoi modelli di punta.  

Il Tribunale europeo ha pero' confermato la decisione dell'Euipo: “Lo scooter della Zhejiang e lo scooter Vespa LX suscitano impressioni generali diverse – si legge nella sentenza - Il primo possiede un carattere individuale rispetto al secondo. Infatti, mentre lo scooter della Zhejiang è dominato da linee sostanzialmente spigolose, lo scooter Vespa LX privilegia linee arrotondate. Le caratteristiche di forma proprie dello scooter Vespa LX non si ritrovano, a loro volta, nello scooter della Zhejiang, mentre le differenze che li separano sono numerose e significative e non sfuggiranno all’attenzione di un utilizzatore informato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il concetto di “utilizzatore informato” viene spiegato meglio più avanti: “Il Tribunale – si legge sempre nella sentenza - sottolinea che il pubblico di riferimento composto dai potenziali acquirenti di scooter, dotato di un livello di attenzione elevato, percepirà lo stile, le linee e l’aspetto che caratterizzano lo scooter Vespa LX come diversi, sul piano visivo, da quelli dello scooter della Zhejiang. Date le impressioni diverse suscitate dai due scooter, non sussiste alcun rischio di confusione presso il pubblico di riferimento”, conclude. Sarà cosi', ma alla Piaggio il timore è che i consumatori, per quanto informati, potrebbero preferire tra i due scooter il modello meno caro prodotto in Cina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • In Francia mascherine anche all'aperto, i medici: "Assurdo per chi fa jogging"

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

  • I medici tedeschi: "In Germania siamo già in una seconda ondata di coronavirus"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento