menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ricerca, Bruxelles lancia il Consiglio europeo per l'innovazione

L'annuncio della Commissione Ue. L'obiettivo è recuperare il gap con Usa e Cina

L'obiettivo è recuperare il ritardo nelle innovazioni rivoluzionarie, le scoperte tecnologiche che cambiano il mondo e che stanno facendo la fortuna degli Stati Uniti e della Cina: la Commissione Ue ha proposto di istituire un Consiglio europeo per l'innovazione che dovrebbe operare su vasta scala e costituire il referente unico per le tecnologie rivoluzionarie e a alto potenziale e le imprese innovative con le potenzialità per espandersi. "Considerata la crescente concorrenza internazionale, l'Europa deve agire con urgenza sul fronte della ricerca e dell'innovazione", ha detto il commissario responsabile della Ricerca, Carlos Moedas.  

La nuova agenzia

Pur rivendicando differenze significative, a partire dalla volontà di finanziare programmi civili e non militari, la Commissione si è ispirata dalla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), l'agenzia federale americana creata dal dipartimento della Difesa dopo il lancio del satellite russo Sputnik e che dal 1958 ha permesso lo sviluppo del Gps, di Arpanet (l'antesignano di Internet) o l'esoscheletro XOS.

Il Consiglio europeo per l'innovazione dovrebbe partire con una fase pilota da 2,7 miliardi di euro per il periodo 2018-2020, con l'obiettivo di contribuire a individuare e a realizzare su scala più ampia le innovazioni ad alto rischio e in rapida evoluzione che presentano grandi potenzialità di creazione di nuovi mercati. Secondo l'esecutivo comunitario, l'Europa ha una capacità relativamente elevata nell'innovazione incrementale (aggiungere valore o nel promuovere i prodotti, i servizi e i processi esistenti) e ha fatto passi importanti in avanti in settori come la robotica, la fotonica e le biotecnologie. Tuttavia l'Europa è indietro in molti ambiti.

Le imprese spendono poco in innovazione

Le imprese europee spendono meno per l'innovazione rispetto ai loro concorrenti (l'1,3% del PIL rispetto all'1,6% della Cina, al 2% degli Stati Uniti, al 2,6% del Giappone e al 3,3% della Corea del Sud). L'Ue conta soltanto 26 "start-up unicorno" (start-up valutate ad oltre 1 miliardo di dollari), mentre Stati Uniti e Cina ne vantano rispettivamente 109 e 59. "Le nuove megatendenze, come l'intelligenza artificiale e l'economia circolare, sono destinate a causare profondi cambiamenti della società e dell'economia", ha spiegato il vice-presidente della Commissione, Jyrki Katainen: "dobbiamo agire rapidamente per farci promotori di una nuova ondata di innovazione". L'istituzione del Consiglio europeo dell'innovazione sarà discussa dai capi di Stato e di governo dell'Ue nella cena di domani a Sofia, alla vigilia del vertice con i paesi dei Balcani Occidentali.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento