Ricerca, Bruxelles lancia il Consiglio europeo per l'innovazione

L'annuncio della Commissione Ue. L'obiettivo è recuperare il gap con Usa e Cina

L'obiettivo è recuperare il ritardo nelle innovazioni rivoluzionarie, le scoperte tecnologiche che cambiano il mondo e che stanno facendo la fortuna degli Stati Uniti e della Cina: la Commissione Ue ha proposto di istituire un Consiglio europeo per l'innovazione che dovrebbe operare su vasta scala e costituire il referente unico per le tecnologie rivoluzionarie e a alto potenziale e le imprese innovative con le potenzialità per espandersi. "Considerata la crescente concorrenza internazionale, l'Europa deve agire con urgenza sul fronte della ricerca e dell'innovazione", ha detto il commissario responsabile della Ricerca, Carlos Moedas.  

La nuova agenzia

Pur rivendicando differenze significative, a partire dalla volontà di finanziare programmi civili e non militari, la Commissione si è ispirata dalla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), l'agenzia federale americana creata dal dipartimento della Difesa dopo il lancio del satellite russo Sputnik e che dal 1958 ha permesso lo sviluppo del Gps, di Arpanet (l'antesignano di Internet) o l'esoscheletro XOS.

Il Consiglio europeo per l'innovazione dovrebbe partire con una fase pilota da 2,7 miliardi di euro per il periodo 2018-2020, con l'obiettivo di contribuire a individuare e a realizzare su scala più ampia le innovazioni ad alto rischio e in rapida evoluzione che presentano grandi potenzialità di creazione di nuovi mercati. Secondo l'esecutivo comunitario, l'Europa ha una capacità relativamente elevata nell'innovazione incrementale (aggiungere valore o nel promuovere i prodotti, i servizi e i processi esistenti) e ha fatto passi importanti in avanti in settori come la robotica, la fotonica e le biotecnologie. Tuttavia l'Europa è indietro in molti ambiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le imprese spendono poco in innovazione

Le imprese europee spendono meno per l'innovazione rispetto ai loro concorrenti (l'1,3% del PIL rispetto all'1,6% della Cina, al 2% degli Stati Uniti, al 2,6% del Giappone e al 3,3% della Corea del Sud). L'Ue conta soltanto 26 "start-up unicorno" (start-up valutate ad oltre 1 miliardo di dollari), mentre Stati Uniti e Cina ne vantano rispettivamente 109 e 59. "Le nuove megatendenze, come l'intelligenza artificiale e l'economia circolare, sono destinate a causare profondi cambiamenti della società e dell'economia", ha spiegato il vice-presidente della Commissione, Jyrki Katainen: "dobbiamo agire rapidamente per farci promotori di una nuova ondata di innovazione". L'istituzione del Consiglio europeo dell'innovazione sarà discussa dai capi di Stato e di governo dell'Ue nella cena di domani a Sofia, alla vigilia del vertice con i paesi dei Balcani Occidentali.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • I vegani ora hanno il loro partito che correrà alle elezioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento