Ferie retribuite e orari certi per le partite Iva: cosa cambia con la nuova direttiva Ue

Via libera definitivo alle nuove norme che introducono maggiori tutele per gli indipendenti in tutta Europa. L'Italia avrà 3 anni di tempo per adeguarsi

Basta con gli attuali contratti atipici, tanti, sempre di più. Basta anche alle condizioni a cui devono sottostare i sempre più numerosi lavoratori autonomi, quelli attivi sul mercato del lavoro con partite Iva. Il Consiglio dell’Ue ha deciso di mettere ordine alla ‘giungla’ lavorativa, introducendo nuove misure a favore di quanti non hanno il caro vecchio contratto a tempo indeterimanto e a tutele crescenti.

“La direttiva risponde alla comparsa di nuove forme di lavoro”, sottolinea Marius-Constantin Budăi, ministro del Lavoro della Romania, Paese con la presidenza di turno del Consiglio dell’Ue. La nuova normativa “introduce diritti minimi per i lavoratori, garantendo in tal modo maggiore sicurezza e prevedibilità nei rapporti tra lavoratori e datori di lavoro e preservando allo stesso tempo l'adattabilità del mercato del lavoro”.

Ecco allora le novità, che entreranno in vigore venti giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale dell’Ue, e che gli Stati membri avranno tempo massimo tre anni per rendere operative nei rispettivi ordinamento nazionali.

Nuovi obblighi per i datori

Entro sette giorni dall’inizio del rapporto di lavoro, i datori di lavoro saranno tenuti ad informare i collaboratori “in merito agli aspetti essenziali del rapporto di lavoro”. L’Ue specifica che si tratta di identità delle parti del rapporto di lavoro, il luogo di lavoro e la natura dell'impiego, nonché il salario minimo iniziale e la durata delle ferie retribuite, che dovranno essere garantite e riconosciute. Ancora, si dovranno chiarire la durata normale della giornata o della settimana di lavoro, “se l'organizzazione del lavoro è prevedibile”.

Se invece l’attività risulta “interamente o in gran parte” imprevedibile, i lavoratori dovranno essere informati su orari e giorni nei quali può essere loro imposto di lavorare, con un periodi minimi di preavviso che deve essere stabilito e rispettato. Infine nel caso in cui il versamento dei contributi sia compito del datore di lavoro, questi dovrà indicare a chi effettuerà i versamenti.

Periodi di prova

Non finisce qui. Il popolo delle partite Iva e tutti i firmatari di contratti atipici si vedono riconosciuti dall’Ue il diritto di poter fare altri lavori oltre a quello per cui sono già pagati, la riduzione del periodo di prova a un massimo di sei mesi, e la possibilità di chiedere, esauriti i sei mesi, un impiego con condizioni di lavoro più prevedibili e sicure. Periodi di prova superiori a sei mesi possono essere previsti solo in due casi: se sono nell'interesse del lavoratore o se sono giustificati dalla natura dell'impiego. Basta infine con corsi di aggiornamento e di formazione professionale a proprie spese: con la nuova direttiva europea i lavoratori ‘esterni’ potranno ricevere corsi gratuiti quando questi sono previsti dalla legislazione nazionale o comunitaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di misure minime, uguali per tutti. Agli Stati membri viene lasciata la facoltà di adottare o applicare una legislazione più favorevole di quella approvata in sede europea, ma a livello nazionale non si potrà avere un mercato del lavoro con regole meno favorevoli di quelle appena adottate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • In Francia mascherine anche all'aperto, i medici: "Assurdo per chi fa jogging"

  • L'Olanda gli nega l'asilo, siriano 14enne si suicida

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

  • I medici tedeschi: "In Germania siamo già in una seconda ondata di coronavirus"

  • Le Figaro celebra Conte: "Negoziatore di talento, esce rafforzato dalla crisi del Covid"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento