Fare luce sui paradisi fiscali: il Parlamento Ue istituisce una nuova Commissione d'inchiesta

I lavori inizieranno a marzo sull'onda dello scandalo dei Paradise Papers e dei lavori già svolti dalle Commissioni speciali sulle iper-agevolazioni fiscali alle multinazionali e da quella di inchiesta sui Panama Papers

European Parliament

Continuare la battaglia contro la criminalità finanziaria, l’evasione e l’elusione fiscale, facendo più luce sui paradisi fiscali e sull'efficacità delle misure europee per contrastare i mancati gettiti ed i regimi facilitati.

Il Parlamento Ue rilancia il suo impegno su questo triplice fronte istituendo una nuova Commissione d'inchiesta che nasce sull'onda dei Paradise Papers e riprende il lavoro già svolto dalle due precedenti Commissioni sul Tax Rulings (i regimi fiscali iper-agevolati assicurati da diversi Stati membri, in particolare Irlanda, Lussemburgo ed Olanda alle multinazionali) e di quella sui Panama Papers, il cui mandato si è recentemente concluso.

La nuova Commissione d'inchiesta avrà 45 membri e un mandato di 12 mesi con inizio immediato. I membri verranno nominati nella prossima sessione plenaria del 12-15 marzo a Strasburgo ed inizieranno i lavori prima della fine del mese. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • Dopo il confinamento la Francia vede la fine del tunnel. In Spagna a gennaio partono le vaccinazioni

  • Neonazismo e antisemitismo: si dimette l'alleato olandese di Giorgia Meloni

Torna su
EuropaToday è in caricamento