"L'umanità è più importante dei nostri soldi", 83 milionari chiedono di pagare più tasse

L'appello ai governi mondiali: "Abbiamo un enorme debito nei confronti delle persone che lavorano in prima linea in questa battaglia globale contro il coronavirus"

Foto Ansa EPA/ALEX PLAVEVSKI

Al grido di "l'umanità è più importante dei nostri soldi", un gruppo di 83 milionari, principalmente americani, ma anche tedeschi, olandesi e britannici, ha firmato una petizione ai governi mondiali, in vista della riunione dei ministri delle Finanze del G20 e alla vigilia del summit straordinario della Ue sul piano di rilancio per l'Europa, affinché varino un "aumento fiscale permanente" sulle grandi fortune "immediatamente, in maniera sostanziosa e per sempre", con l'obiettivo di fornire più risorse a chi deve combattere nelle corsie di ospedale ma non solo, la battaglia contro le conseguenze della pandemia di Covid-19 .

I firmatari

Sotto il motto "Millionaires for Humanity", i firmatari tra cui figurano Abigail Disney, pronipote di Walt Disney ed erede dell'impero, il regista britannico Richard Curtis, che ha diretto “Quattro matrimoni e un funerale”, l'investitrice in start-up e filantropa Mariana Bozesan, il co-fondatore del colosso Usa dei gelati Ben & Jerry, Jerry Greenfield e Morris Pearl, un-ex top manager di BlackRock, invocano un aumento delle aliquote per affrontare le conseguenze economiche del coronavirus.

Aiutare i lavoratori essenziali

"Non siamo noi (miliardari) a prenderci cura dei malati nelle stanze di terapia intensiva. Non guidiamo le ambulanze che porteranno i malati negli ospedali. Non stiamo rifornendo gli scaffali dei negozi o consegnando cibo porta a porta". "Abbiamo un enorme debito nei confronti delle persone che lavorano in prima linea in questa battaglia globale. Ma abbiamo soldi, tanti. C'è un bisogno immediato di soldi adesso e negli anni a venire” per fare fronte alla crisi, il cui impatto “andrà avanti per decenni” e potrebbe “far finire in povertà mezzo miliardo di persone”, sottolineano i firmatari, ricordando che la maggior parte dei lavoratori essenziali sono notevolmente sottopagati, nonostante i rischi che devono affrontare ogni giorno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salute, istruzione e sicurezza

I Governi devono "assumersi la responsabilità di raccogliere finanziamenti e spenderli in maniera equa per finanziare i nostri sistemi di salute, le scuole e la sicurezza attraverso un aumento permanente della tassazione sulle persone più fortunate del pianeta, come noi", concludono i 'Millionaires for Humanity'. Non è la prima volta che i super-ricchi chiedono un aumento della tassazione a loro carico. Da anni Warren Buffet e Bill Gates chiedono di pagare più imposte e un anno fa un piccolo gruppo di miliardari americani tra cui George Soros, il co-fondatore di Facebook Chris Hughes e gli eredi degli imperi Hyatt e Disney ha pubblicato una lettera per sostenere l'idea di un'imposta patrimoniale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento