Mancano macchinisti per i treni, al via corsi speciali per migranti

Succede in Germania, dove la necessità di trovare una sistemazione a 44mila richiedenti asilo e lo scarso interesse per la professione dei nazionali hanno spinto il land di Baden-Wurttemberg ad aprire le selezioni agli stranieri

Certificato di lingua, patente di guida e via. La Germania lavora per integrare i richiedenti asilo fornendo loro un lavoro come conducenti ferroviari. Il land di Baden-Wurttemberg, nel sud-ovest della federazione, è intenzionato a colmare la carenza di posti di lavoro con i non-tedeschi. La necessità di trovare una sistemazione a 44mila richiedenti asilo e lo scarso interesse per la professione dei nazionali che non vogliono salire nella cabina di comando hanno condotto il governo locale a predisporre la speciale strategia.

Il ministero dei Trasporti di Baden-Wurttemberg ha fatto sapere che nel giro di quindici mesi si renderà necessaria l’assunzione di circa mille nuovi conducenti ferroviari per garantire la continuità del servizio su rotaia. Il turn-over vedrà l’amministrazione locale investire in corsi di lingua e di formazione professionale. Chi avrà una buona conoscenza del tedesco potrà accedere alla scuola-guida per i convogli. La speciale politica sarà finanziata dal Land e dalle compagnie di trasporto, che divideranno i costi necessari.

Circa 1,4 milioni di rifugiati sono entrati in Germania solo tra il 2015 e il 2017. Si tratta principalmente di persone provenienti da Medio Oriente e Nord Africa. Il programma annunciato per la formazione di nuovi macchinisti dovrebbe partire entro la fine dell'anno e potrebbe anche far fronte alle carenze nella costruzione di binari e nel personale di officina. Si tratta di un esperimento, che se tutto va bene potrà fungere anche da esempio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questa iniziativa – spiega Christian Rauch, direttore del dipartimento regionale dell'Agenzia federale per l'impiego della Germania – potrebbe incontrare un grande interesse in altri settori, alla ricerca di lavoratori qualificati tra i rifugiati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • Altro che furbetti del reddito di cittadinanza, Parigi perde 14 miliardi l'anno per frodi al welfare

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • Non basta la seconda ondata, Francia alle prese anche con la 'sindrome da post-Covid'

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento