rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
Lavoro

Licenziati da un algoritmo perché "non produttivi" durante lo smart working: 150 persone perdono il lavoro

Una società russa sorvegliava i dipendenti con un software installato nei loro computer. Il licenziamento comunicato con una email

Lavoratori sorvegliati e puniti da un’intelligenza artificiale che ha calcolato che non erano abbastanza produttivi e per questo li ha licenziati. Può sembrare un film di fantascienza ma invece è quanto accaduto a 150 lavoratori di un’impresa russa che sono stati cacciati in seguito alla decisione presa da un algoritmo. Durante la pandemia i dipendenti di Xsolla, società specializzata in soluzioni di pagamento per i giochi online, si sono ritrovati, come milioni di altre persone a dover lavorare da casa. La loro azienda, preoccupata della loro produttività, ha scelto di non dare loro fiducia e di sorvegliarli tramite un software installato nei loro computer. Un algoritmo ha preso in considerazione vari fattori, come la quantità di tempo che hanno usato durante il loro turno per svolgere attività non legate ai loro compiti in azienda. L’intelligenza artificiale ha considerato che circa un terzo degli impiegati non svolgesse efficacemente il proprio lavoro, e ha così notificato i funzionari del loro imminente licenziamento.

“Il team Big Data dell'azienda ha analizzato la tua attività su Jira, Confluence, Gmail, chat, documenti e dashboard e ti ha contrassegnato come un dipendente non impegnato e improduttivo. In altre parole, non eri sempre presente sul posto di lavoro quando lo facevi da remoto", dice un estratto dell’e-mail firmata dal Ceo e fondatore dell'azienda, Aleksandr Agapitov. "Molti di voi saranno sorpresi, ma credo davvero che Xsolla non faccia per voi". Agapitov ha detto che l’azienda sta collaborando diverse agenzie di risorse umane per aiutare i dipendenti "a trovare un buon posto dove possono guadagnare di più e lavorare ancora meno".

In un’intervista, il fondatore dell’azienda ha spiegato che i licenziamenti sono avvenuti a causa della mancata crescita dell’azienda, che fino a quel momento cresceva a un ritmo del 40 per cento. "A volte devi prendere misure difficili e impopolari per continuare a crescere ed evolvere", ha detto il Ceo. Agapitov ha poi spiegato di non essere d’accordo con la totalità dei licenziamenti, ma che era obbligato ad andare avanti a causa di protocolli interni concordati con gli azionisti della società, racconta LeSoir.

Non è la prima volta che eventi di questo tipo accadono. Amazon, nel 2019 era stata denunciata da alcuni dei suoi dipendenti per aver utilizzato un algoritmo simile. Secondo Bloomberg, il gigante statunitense si era servito del software per assumere, valutare e licenziare i dipendenti senza che un singolo essere umano li contattasse nel processo. Tra agosto 2017 e settembre 2018 300 lavoratori a tempo pieno sono stati licenziati dall’intelligenza artificiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licenziati da un algoritmo perché "non produttivi" durante lo smart working: 150 persone perdono il lavoro

Today è in caricamento