Lavoratori distaccati, accordo a Bruxelles per fermare lo sfruttamento degli stranieri

Consiglio e Parlamento hanno concordato le nuove regole secondo cui il distaccamento può durare massimo un anno e mezzo, poi si dovranno garantire gli stessi salari del Paese ospitante

Nel 2016 nell'Unione europea c'erano 2,3 milioni di lavoratori distaccati, lavoratori che sono stati inviati dalla propria azienda a svolgere temporaneamente un servizio in un altro Stato membro. Si tratta di un fenomeno che è aumentato del 69% tra il 2010 e il 2016 e che sta creando non pochi problemi di sfruttamento. Per questo Bruxelles è determinata a intervenire e questa notte è stato siglato l'accordo finale tra Consiglio Ue e Parlamento Europeo sulla revisione della direttiva in materia, un accordo secondo cui il lavoro distaccato potrà durare al massimo un anno estendibile di altri sei mesi, e dopo questo periodo il lavoratore dovrà guadagnare secondo le regole dello Stato in cui svolgerà il servizio. In questo modo si punta a ridurre il fenomeno secondo cui dai Paesi meno ricchi si tende a inviare lavoratori per svolgere lo stesso compito dei colleghi della nazione ospitante ma a costi molto inferiori.

Secondo l'eurodeputata francese Elisabeth Morin-Chartier del Ppe, l'accordo "indica una chiara direzione verso un'Europa più sociale, con una concorrenza più equa tra le aziende e più diritti per i lavoratori". Per la socialista olandese Agnes Jongerius "ora i colleghi possono essere di nuovo colleghi, e non concorrenti. Si tratta di un passo importante, per creare un'Europa sociale che protegga i lavoratori e faccia in modo che ci sia una concorrenza leale".

Secondo il testo concordato, tutte le norme sulla retribuzione del paese ospitante, stabilite dalla legge o da eventuali contratti collettivi, si applicano ai lavoratori distaccati. Le spese di viaggio, vitto e alloggio dovranno essere pagate dal datore di lavoro e non detratte dagli stipendi dei lavoratori. I datori di lavoro dovranno inoltre garantire che le condizioni di alloggio per i lavoratori distaccati siano decenti e in linea con le norme nazionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora gli Stati membri dell'Ue avranno due anni di tempo per trasporre le nuove norme nei rispettivi ordinamenti, dopodiché inizieranno ad applicarsi. L'accordo tra Consiglio e Parlamento ora dovrà essere confermato dal Coreper, il Comitato dei Rappresentanti Permanenti dei Paesi presso l'Ue e adottato dalla commissione Lavoro e Questioni sociali del Parlamento Europeo; prima di entrare in vigore, la direttiva rivista dovrà essere approvata dal Consiglio e dal Parlamento Europeo in plenaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, in Europa la mascherina obbligatoria torna di moda. E la Germania lancia l'allarme

  • L'Olanda dice no all'obbligo della mascherina: "Inducono un falso senso di sicurezza"

  • Covid, Bruxelles verso il coprifuoco. E i giostrai protestano

  • "Telelavoro fino al 2021", la Svezia punta sullo smart working

  • "Giustizia per Chico Forti", FdI chiede all'Ue di attivarsi per l'italiano detenuto negli Usa da 20 anni

  • Coronavirus, in Belgio 'bolla' di 5 persone e coprifuoco notturno: "Vogliamo evitare il lockdown totale"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento