Italia maglia nera Ue per la riscossione dell’Iva: in un anno un buco da 36 miliardi

Lo rivela uno studio della Commissione di Bruxelles secondo cui la differenza tra il gettito atteso e la somma effettivamente riscossa è del 25,9%. In termini relativi peggio fanno solo Romania e Grecia

foto Ansa

Italia maglia nera per la riscossione dell’Iva in termini assoluti nell’Unione europea. Sono 36 i miliardi che ogni anno sfuggono alle maglie del fisco, quanto una manovra del governo. E' quanto emerge da uno studio pubblicato oggi dalla Commissione di Bruxelles secondo cui il "divario dell'Iva", cioe' la differenza tra il gettito atteso e la somma effettivamente riscossa, si e' attestato a 36 miliardi per l'Italia nel 2016, quasi un miliardo in piu' rispetto al 2015. In termini nominali, nel 2016 l'Italia ha effettivamente riscosso 102,957 miliardi di Iva contro un gettito previsto di 138,945.

Chi fa peggio

Il "divario dell'Iva" per l'Italia nel 2016 ammonta a 35,988 miliardi, pari al 25,9%. In termini relativi, nell'Ue fanno peggio dell'Italia solo Romania (35,88%) e Grecia (29,22%). Complessivamente, nel 2016 i paesi comunitari hanno perso quasi 150 miliardi di euro di entrate provenienti dall'Iva, ha spiegato la Commissione, sottolineando la necessita' di una riforma dell'attuale sistema e di una maggiore cooperazione a livello europeo. "Una perdita di 150 miliardi di euro l'anno per i bilanci nazionali rimane inaccettabile, soprattutto quando 50 di questi miliardi finiscono nelle tasche di criminali, autori di frodi e probabilmente anche terroristi", ha detto il commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici. Per il francese "un miglioramento sostanziale sara' possibile solo con l'adozione della riforma dell'Iva che abbiamo proposto un anno fa".

I dati a livello Ue

A livello Ue, in termini nominali il divario dell'Iva e' diminuito di 10,5 miliardi di euro nel 2016 passando a 147,1 miliardi di euro. Ma i risultati ottenuti dai singoli Stati membri variano in modo significativo. In termini relativi, il divario dell'Iva e' diminuito in 22 Stati membri, con i migliori risultati ottenuti da Bulgaria, Lettonia, Cipro e Paesi Bassi, in ciascuno dei quali si e' registrato un calo di oltre 5 punti percentuali. Anche l'Italia ha registrato un calo, seppur limitato allo 0,23%. Il divario dell'Iva e' invece aumentato in sei Stati membri: Romania, Finlandia, Regno Unito, Irlanda, Estonia e Francia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Partecipa a orgia con 24 uomini, deputato del partito di Orban fermato dalla polizia a Bruxelles

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

  • Pistola e lingotti d'oro nel comodino del premier bulgaro. Che si difende: “Colpa di una bella donna”

  • "Tornerò in Russia per portarla verso l’Ue". Navalny lancia la sfida a Putin

Torna su
EuropaToday è in caricamento