“Gli investimenti esteri potrebbero essere una minaccia per la sicurezza”. Bruxelles lancia l'allarme e corre ai ripari

Il Parlamento europeo ha dato il via libera a un pacchetto di misure volte a rendere più trasparenti operazioni condotte nell’Ue con fondi di paesi terzi, come nel caso dell’acquisto del Milan

Per capirci, l’obiettivo è evitare la scarsa trasparenza denunciata, per esempio, nell’acquisizione del Milan da parte di un fondo di investimenti cinesi. Come? Attraverso un meccanismo per controllare gli investimenti esteri diretti “in modo trasparente, prevedibile e non discriminatorio”. E garantire così che tali operazioni non “costituiscano una minaccia per infrastrutture critiche, tecnologie chiave o informazioni sensibili sull'accesso”.

La proposta di regolamento

E’ quanto prevede un pacchetto di misure varato dalla commissione Commercio del Parlamento europeo. Secondo il testo, i nuovi strumenti serviranno agli Stati membri e alla Commissione Ue di verificare se un investimento estero possa influire sull'indipendenza dei media o sull'autonomia strategica dell'Ue, se l'investitore abbia una track record di investimenti in progetti che potrebbero minacciare la sicurezza o l'ordine pubblico, o se l'investimento rischi di portare alla creazione di un monopolio.

Migliore cooperazione

Il comitato ha stabilito che uno Stato membro che decide di esaminare un investimento estero diretto dovrebbe informare gli altri Stati membri e la Commissione del fatto entro cinque giorni lavorativi ed essere aperto ai commenti. Propone inoltre che se un terzo degli Stati membri considera un investimento preoccupante, il paese target dovrebbe impegnarsi in un dialogo per risolvere le questioni in gioco.

Per favorire la cooperazione degli Stati membri in materia di investimenti esteri diretti, condividere le migliori pratiche e affrontare possibili preoccupazioni, i deputati hanno proposto di istituire un gruppo di coordinamento degli screening degli investimenti, presieduto dalla Commissione e composto da Stati membri con il Parlamento europeo in qualità di osservatore.
Il Parlamento europeo potrebbe chiedere alla Commissione di emettere un parere su un investimento diretto estero pianificato o completato in uno Stato membro.

“Senza soccombere al protezionismo, è tempo di dimostrare che l'Europa non è ingenua in questi tempi di globalizzazione. Non siamo contro gli investimenti stranieri, ma contro strani investimenti”, dice il popolare Franck Proust

Adesso, il testo dovrà essere votato dall’aula del Parlamento e in seguito inizieranno i negoziati con gli Stati membri.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

Torna su
EuropaToday è in caricamento