In Francia si dimette il responsabile della riforma delle pensioni, ma lo sciopero prosegue

Il ministro travolto da uno scandalo di conflitti d'interesse e incarichi non dichiarati. Macron: “Un sostituto il prima possibile”, ma non intende fare un passo indietro sul provvedimento

Una manifestazione contro la riforma delle pensioni - foto Ansa EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

Non bastano gli scioperi generali contro la riforma delle pensioni che stanno mettendo in ginocchio la Francia. Emmanuel Macron deve ora fare fronte ad una nuova grana che si è abbattuta sull'esecutivo del Paese: le dimissioni proprio del super commissario, Jean-Paul Delevoye, il responsabile della riforma, travolto dallo scandalo di conflitti di interessi e incarichi non dichiarati.

Monsieur Retraites

Il 72enne Delevoye, volto storico delll'era Chirac e sostenitore della prima ora di En Marche, già soprannominato "Monsieur Retraites" ("Signor Pensioni"), era entrato ufficialmente nel governo lo scorso settembre in qualità di alto commissario per le pensioni. Ora il presidente promette di trovare "il prima possibile un sostituto", lo sciopero dei sindacati continua a paralizzare il Paese, con oltre 600 chilometri di code accumulate solo nella regione della capitale. Il timore è che il braccio di ferro possa protrarsi fino a Natale, rovinando le tanto attese vacanze a milioni di francesi.

Lo scandalo

Delevoye, da sempre poco gradito ai sindacati, è finito nel loro mirino dopo aver ammesso nel weekend di non aver menzionato 13 suoi incarichi nel settore privato, sia pagati che non pagati, in una recente dichiarazione patrimoniale. In uno di questi, come presidente del think-tank sull'istruzione di Parallaxe, è stato pagato quasi 5.400 euro al mese in aggiunta al suo stipendio ministeriale, denaro che non gli spetterebbe in base a una legge sulla trasparenza politica del 2013. "Jean-Paul Delevoye ha fatto queste omissioni in buona fede, ora sarà in grado di spiegare", ha affermato un funzionario della presidenza francese. Delevoye ha dichiarato che - ovviamente - rimborserà i soldi, per un totale di oltre 120 mila euro da settembre 2017.

I sindacati contro la riforma

Ma Laurent Berger, capo del più grande sindacato francese, il Cfdt, ha definito "scioccanti" le omissioni di Delevoye, dicendo a radio France Info che "ovviamente danneggiano la sua credibilità". Accantonato il dossier Delevoye, i sindacati continuano a chiedere a Macron di abbandonare il suo piano di creare un unico sistema pensionistico tra i 42 schemi esistenti, sostenendo che milioni dovrebbero ritardare la pensione per ottenere una pensione completa. Il capo dell'Eliseo ha espresso la sua "solidarietà" con i milioni colpiti dai disagi creati dagli scioperi, ma finora non ha mostrato alcun segno di arretramento di quella che ha definito "una riforma storica". Domani sono previste nuove manifestazioni, con diverse università tra cui la Sorbona di Parigi che hanno dichiarato di aver annullato o rinviato gli esami di fine anno perché gli studenti non sarebbero stati in grado di presentarsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parigi paralizzata

La giornata di blocchi stradali da parte di camionisti, che chiedono una retribuzione più elevata, si è aggiunta agli ingorghi che hanno totalizzato quasi 630 chilometri a Parigi e nei suoi sobborghi durante l'ora di punta del mattino, quasi il doppio dell'ordinario. La maggior parte delle linee della metropolitana nella capitale è rimasta chiusa o ha subito disagi mentre hanno operato pochissimi treni e in tutta la Francia era in funzione uno su tre treni del Tgv.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento