“Basta fondi Ue per l'autostrada Siracusa-Gela”. Da Bruxelles l'ultima tegola sulla più grande incompiuta d'Italia  

Doveva essere pronta nel 1973, ma ancora non è stata completata. E la Commissione europea avrebbe deciso lo stop al drenaggio di risorse strutturali verso quest'opera. Lo denuncia il M5s: “Che ne sarà dei lavoratori impegnati nei cantieri?”

L'autostrada Siracusa-Gela? Non si farà mai, almeno non con i fondi europei. Lo denunciano i deputati regionali dei 5 Stelle Luigi Sunseri e Govanni Di Caro. La Commissione europea, dicono i due esponenti del Movimento, "è stata categorica": l'eterna incompiuta non rientrerà nella programmazione dei fondi strutturali per il periodo 2014-2020, come aveva proposto la Regione. 

A rischio anche le risorse stanziate finora

Una risposta che per i due deputati dell'Assemblea regionale siciliana, "è una sorta di pietra tombale sui sogni di normalizzazione degli automobilisti del sud-est della Sicilia". Dice Sunseri: "Ci è stato risposto che non c'è la benchè minima possibilità di far rientrare il finanziamento dell'opera nel PO Fers 2014-20, come aveva proposto la Regione (seppur subordinandolo ad un approfondimento esplorativo del dipartimento infrastrutture), visto che le somme del precedente piano rischiano molto concretamente di andare perdute, se l'opera non sarà terminata entro il termine massimo del 31 marzo 2019". Il Cas stesso, relazionando sull'opera, ha messo in evidenza le enormi difficoltà nel portare avanti i lavori, sostenendo che il completamento del tratto Ispica-Modica è previsto per gennaio-febbraio 2020. 

L'incompiuta resta di restare tale 

"Il rischio di decertificazione, con conseguente perdita dei finanziamenti - aggiunge Sunseri - è pertanto altissimo, con ovvi, gravissimi contraccolpi per il bilancio regionale, mentre il sogno di completare l'opera diventa sempre più un miraggio, a meno che non si trovino linee di finanziamento statale. Che ne sarà ora dei lavoratori impegnati nei cantieri?. Questo governo pensi al futuro di questa terra. Si concentri su nuove idee infrastrutturali per la programmazione 2021-2027". La Siracusa-Gela, insomma, rischia di diventare la più grande incompiuta italiana. Era il 1968 quando cominciò a parlarsene e un titolo di giornale di quel periodo annunciava che l'autostrada avrebbe dovuto essere pronta per il 1973. A oggi, non è stata completata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

Torna su
EuropaToday è in caricamento