“Chiara Ferragni” sarà marchio Ue: via libera dal Tribunale europeo

La richiesta di registrazione era stata rifiutata dall'Euipo, l'ufficio comunitario per la proprietà intellettuale, dopo il ricorso di un gruppo di imprenditori olandesi

“Chiara Ferragni” sarà marchio dell'Unione europea. Il Tribunale Ue ha infatti dato ragione al gruppo di imprenditori italiani che nel 2015 avevano chiesto la registrazione del logo (un occhio azzurro con lunghe ciglia nere sopra il nome della fashion blogger) per una serie di prodotti di abbigliamento. Richiesta respinta in un primo momento dall'Euipo, l'ufficio comunitario per la tutela della proprietà intellettuale. 

La decisione dell'Euipo era stata presa nel 2017 in seguito al ricorso di una società dei Paesi Bassi, che lamentava il rischio di confusione con un marchio da poco registrato nel Benelux, “Chiara”, anch'esso utilizzato per il settore della moda. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli imprenditori italiani, pero', non si sono arresi e hanno fatto un contro ricorso al Tribunale Ue, andato a buon fine. I giudici del Lussemburgo, dove hanno sede Corte e Tribunale dell'Unione, hanno annullato la decisione dell’Euipo: “Nonostante l’identità o la somiglianza tra i prodotti di cui trattasi – si legge nella sentenza - le differenze tra i segni esaminati, in particolare sotto il profilo visivo, costituiscono motivi sufficienti per escludere la sussistenza di un rischio di confusione nella percezione del pubblico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento