Con il suo export, l'Italia crea 462mila posti di lavoro nel resto dell'Ue

Secondo uno studio della Commissione europea, circa il 13% degli occupati italiani sono legati all'export verso Paesi al fuori dell'Unione. Di questi, 160mila “dipendono” dalle esportazioni della Germania. Ma anche noi diamo il nostro contributo agli altri Stati membri

Un carico di contanier al porto di Rotterdam

Chi dice che i trattati commerciali internazionali non servono dovrebbe spiegarlo ai 3,2 milioni di lavoratori italiani il cui posto dipende dall'export in Paesi al di fuori dell'Unione europea. Ma anche ai 462mila occupati di altri Stati Ue che lavorano “grazie” ai beni e ai servizi esportati dal Belpaese nel mondo. Sono i dati che emergono da uno studio della Commissione europea, che ha analizzato il legame tra commercio internazionale e occupazione nell'Unione tra il 2000 e il 2017.

In questo lasso di tempo, secondo lo studio, gli occupati europei legati all'export Ue sono cresciuti del 66%, raggiungendo i 36 milioni, di cui 13,7 sono donne. Si tratta di posti di lavoro solitamente pagati meglio: un 12% in più rispetto ai salari medi nazionali. 

Leader dell'export è la Germania, che è riuscita a creare 8,4 milioni di occupati legati direttamente e indirettamente al commercio con Paesi extra-Ue. A seguire il Regno Unito con 4,2 milioni di posti di lavoro e la Francia con 3,4. L'Italia si piazza al quarto posto, con 3,2 milioni di lavoratori: in sostanza, 1 occupato su 8 “dipende” dal commercio internazionale. 

Nello specifico, 2,7 milioni di posti di lavoro sono riconducibili all'export di beni e servizi “italiani”. Mentre il restante mezzo milione è legato alle attività di export degli altri Paesi membri, in particolare della Germania (circa 160mila occupati). Già, perché uno degli aspetti più significativi dello studio riguarda i benefici “europei” che il commercio internazionale dei singoli Stati Ue genera. Compreso quello italiano: grazie alle nostre attività di export, oggi hanno trovato lavoro 462mila cittadini di altri Paesi europei. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ultima nota, il rapporto con gli Stati Uniti: in un periodo in cui Donald Trump sta mettendo a seria prova i rapporti commerciali tra le due sponde dell'Atlantico, lo studio ricorda che 1 milione di posti di lavoro negli Usa sono supportati grazie a beni e servizi statunitensi che sono incorporati nelle esportazioni internazionali dell'Ue attraverso catene di approvvigionamento globali. In altre parole, “America first”. Ma anche grazie all'Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento