menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
© European Union , 2015   /  Source: EC - Audiovisual Service   /   Photo: Etienne Ansotte

© European Union , 2015 / Source: EC - Audiovisual Service / Photo: Etienne Ansotte

“All'Ema assumete meno donne e italiani”. Lo chiede il commissario Ue alla Salute

Le raccomandazioni dell'Esecutivo comunitario per la gestione dell'Agenzia del farmaco puntano il dito contro i nostri concittadini che, insieme a francesi e spagnoli, sarebbero sovrarappresentati rispetto ad altri paesi membri. Ma soprattutto, chiedono di ridurre il peso della componente femminile

L'Ema, l'Agenzia europea del farmaco torna a fare discutere. E stavolta non si tratta della diatriba tra Milano e Amsterdam per l'assegnazione della sede (che con ogni probabilità andrà in Olanda), ma di un problema di personale femminile. Troppe poche donne come al solito, penserete voi? No, il contrario: la componente “rosa” è sovradimensionata. Cosi' come sovradimensionati sarebbero i dipendenti italiani, spagnoli e francesi. Ecco perché la Commissione europea invita l'Ema a rivedere le modalità di assunzione per il futuro: meno donne, ma anche meno latini. 

Le raccomandazioni sul personale

A rivelarlo è l'agenzia AdnKronos, che ha visionato le raccomandazioni che il commissario europeo alla Salute Vytenis Andriukaitis ha rivolto all'Ema, contenute in un'opinione della Commissione sul documento programmatico dell'Agenzia per il 2018-2020. La Commissione, scrive il lituano Andriukaitis, "accoglie con favore il fatto che l'elevata proporzione di posizioni (agenti temporanei e agenti a contratto) occupata da donne è stata leggermente ridotta rispetto al 2015 (nel 2015 erano 518, nel 2016 sono 503). Tuttavia - aggiunge - la proporzione di donne nella categoria Ast (assistenti, ndr), che è dell'86%, resta troppo elevata. L'agenzia dovrebbe quindi proseguire negli sforzi volti ad aumentare la proporzione di donne in questa categoria, aderendo nel contempo ai principi di trattamento equo e di meritocrazia".

Troppi latini

Inoltre, continua il commissario alla Salute, "la Commissione nota che la proporzione di francesi, italiani e spagnoli, che erano già sovrarappresentati nell'Agenzia, ha continuato a crescere tra il personale. La Commissione - conclude - raccomanda quindi che gli elementi geografici vengano monitorati meglio per le assunzioni future".  Meno "latini", insomma. Chissà cosa ne pensa il direttore dell'Ema, l'italiano Guido Rasi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento