Shopping online, da oggi addio al geoblocking in tutta l'Ue. Tranne per Netflix

Scattano le nuove regole europee che consentono di fare acquisti o prenotare un servizio su un sito estero senza blocchi legati al luogo da cui ci si connette. Escluso lo streaming di serie tv e partite di calcio

Da oggi, si potranno fare acquisti, noleggiare auto o prenotare una vacanza anche sui siti web di un altro Paese europeo senza limitazioni. Entra in vigore, infatti, il nuovo regolamento Ue che vieta il geoblocking ingiustificato, ossia il blocco che alcune società online di un determinato Stato membro attuano nei confronti dei potenziali clienti del resto dell'Unione.

Il motivo di questi blocchi era legato per lo più a politiche volte a differenziare i prezzi di vendita online di beni e servizi a seconda del Paese. Da oggi, questo non sarà più possibile per i siti di e-commerce, per alcuni servizi elettronici come il cloud computing o l'hosting di siti web o ancora per i servizi legati al turismo, come prenotazioni di alberghi o noleggi auto. 

"Il geoblocking - evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello Sportello dei Diritti - ha un impatto importante sugli acquisti online nell'Ue. Finora, il 63% dei portali visibili nell'Unione prevedeva limitazioni che in un modo o nell'altro dissuadevano l'utente dall'acquistare in un Paese diverso dal proprio. Il risultato: solo il 19% dei consumatori europei fa shopping online sui siti di un altro Paese membro”. 

"Vogliamo un'Europa senza barriere, e questo vuol dire anche eliminare gli ostacoli agli acquisti online", sulla falsa riga di quanto già fatto mettendo fine ai sovraccosti del roaming a giugno 2017, ha spiegato il vicepresidente della Commissione Ue per il mercato unico digitale Andrus Ansip. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se da un lato le nuove regole rappresentano un passo avanti verso un mercato veramente europeo, dall'altro va sottolineato come dalle norme siano esclusi servizi importanti come quelli audiovisivi. In sostanza non sarà possibile abbonarsi a Netflix in Italia e vedere serie e film in Francia. E lo stesso vale per lo streaming di eventi sportivi come le partite di calcio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento