Draghi vince sui falchi tedeschi: il suo “bazooka” non è illegale

Una sentenza della Corte di giustizia Ue dà ragione al presidente della Bce: il programma di acquisto titoli del debito sovrano, che ha avvantaggiato Paesi come l'Italia, non viola il mandato di Francoforte. Smontate le accuse delle banche di Berlino

Mario Draghi non ha violato le norme che regolano l'operato della Bce, la banca centrale europea, quando ha deciso di avviare il massiccio programma di acquisto titoli del debito sovrano sui mercati secondari, noto come Quantitative easing o, in forma più colorita, come “bozooka”. Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell'Ue, che ha cosi' respinto il ricorso presentato da una serie di banche tedesche, le quali non avevano gradito l'intervento del governatore a salvaguardia del credito degli Stati membri più in difficoltà, tra cui l'Italia. 

Il programma, varato nel marzo del 2015, sull'onda della seconda ondata di crisi che investito le economie occidentali, prevede che ciascuna banca centrale nazionale acquisti titoli idonei provenienti da emittenti pubblici statali, regionali o locali del proprio Paese. L'effetto sull'economia di tali acquisti è quello di favorire il credito degli istituti privati verso famiglie e imprese in un momento di difficoltà come quello in cui si trovavano (e si trovano tuttora) le banche italiane. 

Per giustificare la sua scelta, Draghi ha sempre fatto riferimento a quello che è uno degli obiettivi cardine del mandato della Bce, quello di riportare il tasso di inflazione della zona euro prossimo al 2%. Ma per i falchi tedeschi, il bazooka del governatore sarebbe in realtà un aiuto diretto a determinati Paesi: non una politica monetaria, ma una politica economica, che è invece di competenza degli Stati e dell'Ue. Una misura, detta in altre parole, che avrebbe sviato Paesi come il nostro a condurre una sana politica di bilancio. 

Per i giudici, pero', queste accuse sono prive di fondamento. Il Quantitative easing non travalica le competenze della Bce, perché, pur avendo effetti “da” politica economica, rientra comunque in tutto e per tutto in una misura monetaria. La Corte ricorda inoltre come risulti chiaramente dal diritto primario che la Bce e le banche centrali degli Stati membri possono, in linea di principio, intervenire sui mercati dei capitali acquistando e vendendo in via definitiva titoli di debito negoziabili denominati in euro. Infine, i giudici smontano l'accusa di favoritismi all'Italia: il bazooka non equivale all'acquisto di titoli sui mercati primari e non produce l'effetto di sottrarre gli Stati membri all'incitamento a condurre una sana politica di bilancio.

Potrebbe interessarti

  • Macron adesso 'difende' Conte: "Nessun Paese Ue si immischi sui conti dell'Italia"

  • "Il bollo auto è discriminatorio e illegale", la Corte Ue condanna la Germania

  • "Quote annuali di migranti", il ministro di Macron rilancia la proposta. Ma la destra dice no

  • No al Manneken Pis vestito da Michael Jackson, Bruxelles cambia idea dopo le polemiche

I più letti della settimana

  • L'Adidas perde la 'guerra delle tre strisce'. Tribunale Ue: "Potranno essere usate da altri"

  • Macron adesso 'difende' Conte: "Nessun Paese Ue si immischi sui conti dell'Italia"

  • No al Manneken Pis vestito da Michael Jackson, Bruxelles cambia idea dopo le polemiche

  • "Scoppia bomba alla Commissione Ue": la protesta degli ambientalisti a Bruxelles

  • Standing ovation per Draghi dai leader Ue. Conte: "Orgoglioso di lui"

  • "A Matteo Salvini va dato il premio Nobel per la pace"

Torna su
EuropaToday è in caricamento