Diesel in Italia il più caro dell'Ue, benzina terza. Codacons: “Colpa della tassazione abnorme” 

Il presidente Rienzi chiede un incontro con Salvini e Di Maio: “In assenza di interventi, ci saranno ripercussioni per i consumi delle famiglie e per l’economia nazionale”

Brutte notizie per chi possiede un'auto a diesel in Italia. Questo tipo di carburante, già finito nella bufera per il suo alto livello di inquinamento, nel nostro Paese è anche molto caro, arrivando a un prezzo più alto che in tutti gli altri Paesi europei. Lo rivela il Codacons, il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori, che ha elaborato gli ultimi dati sui listini dei carburanti diffusi dalla Commissione europea, e che denuncia come i prezzi così alti siano dovuti alle forti tassazione imposte dallo Stato.

Nello Stivale il prezzo medio è pari a 1,528 euro, una cifra superiore a quella della Svezia, che viene scavalcata così al primo posto nella classifica dei Paesi europei dove il diesel costa di più. Purtroppo le cose non vanno certo molto meglio per chi ha un veicolo a benzina. In quest'altra classifica il nostro Paese conquista comunque la medaglia di bronzo dei prezzi più cari. Con una media di 1,648 euro a litro peggio di noi fanno soltanto Olanda e Grecia.

"Gli automobilisti italiani pagano oggi un pieno di diesel il 12,1% in più rispetto la media Ue, mentre per la benzina si paga il 12,4% in più”, e questa è “una distorsione determinata dalla tassazione abnorme che vige sui carburanti in Italia: al netto delle tasse, infatti, il nostro paese crolla al sesto posto in Europa per il prezzo della benzina, e addirittura al 12esimo posto per il gasolio", denuncia il presidente di Codacons Carlo Rienzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Chiediamo un incontro urgente a Matteo Salvini e Luigi Di Maio, affinché si intervenga con urgenza per tagliare le accise e introdurre misure contro la speculazione sui prezzi dei carburanti alla pompa”, ha aggiunto Rienzi”, secondo cui “in assenza di interventi, ci saranno ripercussioni per i consumi delle famiglie e per l’economia nazionale, determinati dai rincari in tutti i settori causati dal caro-benzina".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento