Crowdfunding, Europa in ritardo. "La sfida è legarli ai fondi Ue per le regioni"

Nel Vecchio Continente, le piattaforme hanno raccolto finora 8 miliardi, contro i 32 degli Usa e i 221 del mercato asiatico. D'Amato (M5s): "Puo' essere uno strumento per potenziare la politica di coesione”

In Europa, il crowdfunding ha raggiunto un volume di affari di 8 miliardi con un tasso di crescita annuale del 94%. Eppure, siamo ancora in enorme ritardo nei confronti degli Stati Uniti, dove le piattaforme raccolgono 32 miliardi, e ancora di più rispetto al mercato asiatico, che ha un volume di 221 miliardi. E' quanto emerge dai dati presentati oggi al Parlamento europeo a Bruxelles nel corso della conferenza “Crowdfunding: a new opportunity”, organizzata dall'eurodeputata del Movimento 5 Stelle Rosa D'Amato

“Il crowdfunding, in particolare quello civico, che riunisce cittadini, piattaforme e amministrazioni pubbliche, rappresenta una grande opportunità per una gestione socialmente più partecipata dei progetti locali connessi al miglioramente della qualità della vita urbana – dice D'Amato - Per questo è necessario che tale strumento trovi la giusta collocazione all'interno della politica di coesione europea. E' questo il motivo per cui oggi abbiamo messo intorno allo stesso tavolo chi gestisce le piattaforme di crowdfunding in Europa e la Commissione Ue”.

Un appello che sembra essere stato raccolto da Bruxelles. “La Commissione europea è molto interessata alle opportunità legate al crowdfunding – ha detto Rachel Lancry Beaumont – Il crowdfunding potrebbe essere utilizzato in combinazione con i fondi europei strutturali e di investimento attraverso il cofinanziamento nazionale ma anche come parte di un cofinanziamento privato” che si aggiunge al programma operativo. Il crowdfunding civico è “un'opportunità anche per promuovere le politiche Ue presso i cittadini, perché li coinvolge direttamente”, ha aggiunto Lancry Beaumont.

Esperienze del genere, del resto, esistono già. “In Estremadura in Spagna – ha raccontato Francesca Passeri – è stato avviato un progetto che combina fondi strutturali e risorse che sono state attratte attraverso campagne di crowdfunding. Il progetto non solo ha permesso di coinvolgere maggiormente i cittadini, ma ha favorito anche la trasparenza nella gestione di tali risorse” pubbliche e private. Con questi presupposti, ha aggiunto Passeri, è stato creato il working group CF4ESFI, che mira proprio a istituzionalizzare questo tipo di cooperazione tra fondi strutturali e crowdfunding: “A oggi, il gruppo coinvolge 8 piattaforme di crowdfunding e 5 autorità di gestione (tra cui quelle della regioni Emilia e Friuli)”. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I lavoratori stranieri bocciano l'Italia: “Economia senza prospettive”. Meglio il Vietnam

  • Meloni contro l'Ue: “Blocca seggiolini auto anti-abbandono”. Ma è davvero così?

  • Cinque posti dove sei pagato solo per viverci. E c'è anche l'Italia

  • Migranti, M5s: "Porti chiusi senza intesa Ue". Ma la Francia: "Prima sbarchi, poi solidarietà"

  • Migranti, il governo tedesco si spacca sulla 'solidarietà' all'Italia

  • Regno Unito nuova Singapore, paura Ue: con la Brexit Londra mega paradiso fiscale

Torna su
EuropaToday è in caricamento