Ue: "Economia Italia andrà peggio del previsto. Subito ok a Recovery fund"

Le previsioni economiche della Commissione europea rivedono ancora più al ribasso il calo del Pil nel 2020: -11,2%. E nel 2021 il "rimbalzo" sarà inferiore a quello di Francia e Spagna. Gentiloni: "Effetti devastanti"

Il commissario Ue Paolo Gentiloni

La Commissione europea ha ulteriormente rivisto al ribasso le previsioni di crescita economica a seguito della pandemia di Covid e l'Italia risulta il Paese che nel 2020 subirà la recessione più acuta, con un meno 11,2% del Pil (rispetto a un meno 8,7% dell'Eurozona) a fronte del meno 9,5% indicato due mesi fa. Nel 2021 il Pil italiano rimbalzerà però del 6,1%, rimbalzo analogo alla media dell'Eurozona, ma inferiore a quello di Francia e Spagna, tra i Paesi più colpiti insieme al nostro.

Cosa prevede la Commissione

"L'epidemia Covid-19 e le misure di contenimento hanno spinto l'economia dell'Italia in una profonda contrazione. Secondo l'Istat, il Pil reale è sceso del 5,3% nel primo trimestre del 2020, a seguito di un notevole declino degli investimenti e delle esportazioni", scrive la Commissione, sottolineando che "le rigorose misure di blocco imposte dal governo italiano a marzo, compresi gli arresti della produzione, comportano un danno all'attività economica che si prevede sarà ancora maggiore nel secondo trimestre del 2020".

Secondo l'Esecutivo Ue, tuttavia, "gli indicatori ad alta frequenza suggeriscono che l'economia ha iniziato a riprendersi non appena le misure di contenimento hanno iniziato a essere allentate a maggio. In assenza di una seconda ondata di contagi, l'avvio dell'attività economica dovrebbe rimbalzare nel terzo trimestre di quest'anno, aiutata da un sostanziale sostegno da parte delle politiche" messe in atto dal governo. "Mentre è probabile che la produzione industriale aumenti di ritmo più rapidamente - osserva ancora la Commissione -, il turismo e molti altri servizi ai consumatori sono destinati a recuperare più gradualmente, quindi smorzando il rimbalzo della domanda".

Ritorno a livelli pre-Covid nel 2022, si spera

Inoltre, "è probabile che si verifichino perdite di produzione nei primi due trimestri più gravi di quanto ipotizzato in primavera, con il Pil reale previsto in caduta dell'11% quest'anno". Nel 2021, "la crescita passerà da un rimbalzo tecnico a un più vero e proprio recupero". Tuttavia, "non si prevede che il Pil reale torni al suo livello del 2019 entro la fine del 2021". Con la revoca delle misure di confinamento, "la spesa dei consumatori è destinata a riprendere nel seconda metà del 2020", mentre "al contrario, è probabile che quest'anno restino depressi gli investimenti delle imprese, data la forte incertezza della domanda e la necessità delle imprese di sostenere la liquidità, anche se c'è il valido sostegno fornito dalle garanzie dei prestiti, i rinvii delle scadenze fiscali e i crediti d'imposta". E "la spesa in conto capitale è destinata a guadagnare terreno nel 2021, sostenuta dagli investimenti pubblici".

Per quanto riguarda l'export, "le economie dei partner commerciali dell'Italia sono previste in brusca contrazione nel 2020, implicando un sostanziale calo delle esportazioni, con il turismo tra i settori colpiti più duramente. Tuttavia, il settore delle esportazioni può guidare la ripresa una volta che l'economia globale riprenderà a crescere a ritmo più sostenuto. Nel 2021, si prevede che le esportazioni cresceranno in linea con il commercio globale". Le prospettive di crescita "rimangono soggette a rischi al ribasso. Una lunga recessione del mercato del lavoro dopo che sono finite le misure di emergenza e un indebolimento della fiducia consumatori potrebbero frenare la ripresa prevista", avverte la Commissione. Quanto all'inflazione, "in Italia è stata in media dello 0,6% nel 2019 ma si prevede che scenda praticamente a zero nel 2020, perché la pressione verso l'aumento dei prezzi dei generi alimentari è più che compensata dal calo dei prezzi dell'energia. Nel 2021, si prevede che i prezzi al consumo aumentino dello 0,8%, in gran parte a causa di effetti di base legati ai prezzi del petrolio, mentre è probabile che la crescita dei salari rimanga modesta durante il periodo coperto dalle previsioni", conclude la Commissione. 

Appello di Bruxelles a governi: "Subito Recovery fund"

"Le previsioni odierne dimostrano gli effetti economici devastanti della pandemia", ha detto il commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni. "In tutta Europa - ha aggiunto - la risposta politica ha permesso di ammortizzare i danni per i nostri cittadini, ma la situazione rimane caratterizzata da disparità, disuguaglianze e insicurezza crescenti. Ecco perché è così importante raggiungere rapidamente un accordo sul piano di ripresa proposto dalla Commissione, per infondere nelle nostre economie, in questo periodo critico, sia nuova fiducia che nuove risorse finanziarie".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Del resto, la grave recessione riguarda un po' tutti, soprattutto nell'area Euro, dove la contrazione attesa a livello generale è dell'8,7 % nel 2020, anche in questo caso superiore ai livelli previsti in precedenza, che fissavano la decrescita al 7,7 % per la zona euro. La buona notizia è che "i primi dati relativi a maggio e giugno indicano che il peggio potrebbe essere passato - scrive la Commissione - Si prevede che la ripresa acquisti vigore nella seconda metà dell'anno, pur rimanendo incompleta e disomogenea tra gli Stati membri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda dice no all'obbligo della mascherina: "Inducono un falso senso di sicurezza"

  • Covid, Bruxelles verso il coprifuoco. E i giostrai protestano

  • "Telelavoro fino al 2021", la Svezia punta sullo smart working

  • "Giustizia per Chico Forti", FdI chiede all'Ue di attivarsi per l'italiano detenuto negli Usa da 20 anni

  • L'Olanda gli nega l'asilo, siriano 14enne si suicida

  • Le Figaro celebra Conte: "Negoziatore di talento, esce rafforzato dalla crisi del Covid"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento