Coronavirus, Prodi: "Ue unita può far stampare moneta"

L'ex premier: serve una risposta rapida alla crisi "o la caduta sarà così forte che i mezzi" per contrastarla "non basteranno"

L'ex premier Romano Prodi ritiene che si potrebbe dare alla Ue il potere di stampare moneta per contrastare gli effetti del coronavirus. Lo riporta Bloomberg, che cita una conferenza stampa all'Associazione della Stampa estera in Italia.

"Perché non stampare moneta?", ha risposto Prodi a un cronista aggiungendo che "se l'Europa è una forza unita potrebbe ben stampare banconote". Prodi ha invitato a fare "attenzione" alla velocità di risposta "o la caduta sarà così forte che i mezzi" per contrastarla "non basteranno". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei giorni scorsi, Prodi si era espresso più volte a favore degli eurobond e contro il 'blocco' dell'austerity di Germania, Olanda e Austria. "Se non condividiamo l'onere della crisi ora, se non c'è solidarietà adesso, quando mai avremo solidarietà? Senza gli eurobond, la casa europea sarà nei guai, non immediatamente, ma sarà nei guai", ha detto l'ex premier. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Noi lavoriamo per pagare le vacanze agli italiani", settimanale olandese contro gli aiuti Ue

  • "Il Covid-19 non è nato nel mercato di Wuhan", studio cinese riscrive la storia del virus

  • Una targa personalizzata Covid 19: "L'ho fatto per ricordare alle altre auto di tenere la distanza"

  • I turisti dal Nord Italia sono un rischio: non lo dice la Grecia ma l’Europa

  • Voli, voucher al posto del rimborso: Bruxelles striglia i governi. Ma rispondono solo in 12

  • Anche Orban contro il piano di aiuti Ue all'Italia: "Finanzia i ricchi coi soldi dei poveri"

Torna su
EuropaToday è in caricamento