"Senza Italia e Spagna non possiamo fare auto", l'allarme di Bmw e Volkswagen in Germania

Le case automobilistiche hanno chiesto a Merkel un approccio europeo per superare la crisi economica legata alla pandemia di coronavirus: "Non aiuta se un Paese avanza e gli altri restano fermi"

Angela Merkel - foto Ansa EPA/JENS SCHLUETER

Le case automobilistiche stanno fermando le produzioni in quasi tutto il mondo, visto i rischi di contagio tra gli operai ma anche a causa dell'impossibilità di vendere macchine o anche solo di mandarle ai vari rivenditori. Il settore è preoccupato, come tanti altri, delle conseguenze della pandemia.

La riunione con Merkel

In particolare quello tedesco, piuttosto che sentirsi rassicurato del fatto che in Germania l'impatto del coronavirus su salute pubblica ed economia si stia facendo sentire con meno forza, chiede al governo di Angela Merkel di avere un approccio e una visione più europea. Gli amministratori di Bmw, Daimler e Volkswagen hanno tenuto mercoledì una riunione di crisi, via call, con la cancelliera tedesca per discutere di come riavviare la produzione. Una fonte Volkswagen ha riferito a Reuters che le case automobilistiche hanno concordato che è necessario un approccio a livello di Unione europea per ripartiree. "Non aiuta se un Paese avanza e poi tutto in Italia o in Spagna è ancora fermo", ha affermato all'agenzia, aggiungendo che uno scenario del genere comporterebbe lacune nella catena di approvvigionamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

20mila operai in cassa integrazione

Al momento la Bmw ha notificato all'Agenzia federale del lavoro (Ba) di aver posto in cassa integrazione circa 20 mila dipendenti, in conseguenza della crisi provocata dalla pandemia di coronavirus, una scelta necessaria ad avviare lo stanziamento del relativo sussidio per i lavoratori. In precedenza, a causa della crisi del coronavirus, Bmw aveva temporaneamente sospeso le attività dei suoi impianti in Europa. L'arresto della produzione al momento è programmato fino al 19 aprile prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • Nuovi lockdown a Madrid, a Marsiglia terapie intensive piene. In Ue avanza la seconda ondata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento