Lasciare la propria città per avere un lavoro? Solo il 40% dei giovani disoccupati italiani lo farebbe

Tra chi si sposterebbe il 20% lo farebbe restando nel Paese, il sette andrebbe in un altro Stato membro, il 13% anche fuori dall'Unione

Quando si cerca lavoro si deve essere pronti a fare dei sacrifici, anche quello di lasciare la propria città per cercare fortuna da un'altra parte. Ma a quanto pare non la pensano così la maggior parte degli italiani, o comunque non la maggior parte dei giovani disoccupati tra i 20 e i 34 anni. Secondo i dati pubblicati da Eurostat solo il 40% di loro si dichiara disponibile a cambiare residenza per ottenere un lavoro. Si dichiara disponibile a cambiare residenza il 20% purché però sia in Italia, mentre il 7% andrebbe anche in un altro Stato Ue e il 13% in un Paese non appartenente all'Unione.

La media Ue è del 50%

La media Ue è giusto del 50%, segnale che sul tema i giovani sono fortemente divisi ma se guardiamo i dati Stato per Stato ci accorgiamo che la situazione cambia fortemente. Se da una parte più dei due terzi dei disoccupati tra i 20 e i 34 anni non sono pronti a trasferirsi a Malta (73%), Paesi Bassi (69%) e Cipro (68%), non ci penserebbero due volte invece in Portogallo (meno del 30% non è dispoto a emigrare), Svezia (33%), Spagna (36%) e Belgio (38%).

In Italia c'è anche la media più bassa (2%) di giovani occupati fra 20 e 34 anni che hanno cambiato residenza, almeno per un anno, per aver cambiato il posto di lavoro. Il 98% non si è mai mosso dal posto occupato, l'1% si è spostato all'interno del paese. La media Ue è del 90%, la quota più alta si registra in Irlanda, dove il 40% dei giovani si è spostato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda la disponibilità a cambiare residenza per un lavoro, i giovani occupati lussemburghesi che si sono spostati all'estero rappresentano il 12% del totale dei giovani occupati, i maltesi il 9%, gli irlandesi il 7%. Le quote più alte di chi si è mosso all'interno del proprio paese si registrano in Irlanda (26%), Francia (16%), Finlandia (14) e Svezia (13%). Nella Ue il 21% sono pronti a muoversi per un lavoro ma solo nel paese di residenza, il 12% considererebbe il trasferimento in un altro Stato Ue, il 17% sarebbe pronti a oltrepassare i confini Ue. Giova un ruolo importante il livello di formazione: più è alto più si è disponibili a uscire dal luogo di residenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • I vegani ora hanno il loro partito che correrà alle elezioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento