rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Economia / Germania

La città che ha guadagnato 1 miliardo in un anno grazie al vaccino anti-Covid

La tedesca Magonza ha riscosso imposte 6 volte superiori a quelle del 2020: merito della sede di BioNTech, il laboratorio che ha creato il Comirnaty di Pfizer

A brindare al successo economico dei vaccini contro il Covid-19 non sono solo le società farmaceutiche. Anche Magonza, città di 200mila abitanti nella Germania occidentale, ha motivo di festeggiare: nel 2021 incasserà 1 miliardo di euro di tasse sulle imprese, in gran parte grazie a BioNTech, il laboratorio farmaceutico fondato nella città nel 2008 da due coniugi di origine turche e che ha messo a punto il Comirnaty, il vaccino poi commercializzato da Pfizer, che è stato il primo a essere autorizzato e il più utilizzato a oggi nell'Unione europea..

Per l'amministrazione di Magonza i benefici della vendita del vaccino sono stati notevoli: nel 2020, scrive il Financial Times, le tasse incassate dall'imposta sulle società si erano fermato a 173 milioni. Nel 2021, l'incasso sarà 6 volte superiore. Le autorità locali non hanno voluto rendere noto l'ammontare effettivo dell'assegno di BioNTech, ma è chiaro che il surplus non può che derivare dal laboratorio di Ugur Sahin e Ozlem Tureci: la loro società, diventata famosa in tutta il mondo grazie al vaccino, dovrebbe registrare un utile di 10 miliardi di euro solo quest'anno. Alla fine di settembre l'azienda, che ha sedi negli Stati Uniti e in altre città tedesche, aveva pagato più di 3 miliardi di euro in tasse, e una quota rilevante, scrive il Financial Times, è destinata proprio a Magonza.

Per la città tedesca, antica roccaforte romana sulle rive del Reno, nota finora per essere stata il luogo in cui Gutenberg mise a punto la prima tipografia meccanica, si tratta di un vero e proprio riscatto dopo decenni di lento declino. Il Comune, infatti, intende investire l'incasso di quest'anno per sanare i debiti e poter cominciare a investire sul suo futuro, dopo anni di spese bloccate dalla rinomata austerity tedesca (le amministrazioni indebitate devono limitarsi alle spese strettamente necessarie, prevede la legge).

Il sogno di Magonza è di costruire un polo delle biotecnologie sfruttando proprio il successo mondiale del vaccino. Per farlo, l'amministrazione prevede anche di abbassare le tasse sulle società: la proposta mira ad attrarre investimenti da altre parti della Germania e dall'estero, ma è anche un modo per "restituire qualcosa a chi fa andare avanti l'economia a Magonza", dice il sindaco Gunter Beck. Per alcuni, il riferimento è proprio a BioNTech, che avrebbe ricevuto offerte per spostare il quartier generale in giurisdizioni meno costose in termini di tasse. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La città che ha guadagnato 1 miliardo in un anno grazie al vaccino anti-Covid

Today è in caricamento