menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tetto ai costi delle chiamate, rescissioni più facili e 5G: ecco il nuovo codice europeo delle telecomunicazioni

Domani a Strasburgo atteso il via libera a un testo che, tra le altre cose, fissa a 19 centesimi al minuto il prezzo massimo per una chiamata da un Paese Ue all'altro. E introduce l'SMS di allerta in caso di alluvioni, terremoti e attacchi terroristici

Tetti massimi per le chiamate all'interno dell'Ue, sviluppo del 5G, sostegno agli investimenti nella banda larga ultraveloce, rescissioni più facili di un abbonamento e il nuovo sistema di allerta rapida per i cittadini in caso di emergenze. Sono queste alcune delle novità introdotte dal Codice delle telecomunicazioni che dovrebbe ricevere il via libera definitiva del Parlamento europeo, per poi essere ratificato il 4 dicembre dagli Stati membri ed entrare cosi' in vigore. Vediamo il testo nel dettaglio

Costi delle chiamate e diritti dei consumatori

Dal 15 maggio 2019, tutte le chiamate da un Paese all'altro delle Ue dovranno costare al massimo 19 centesimi al minuto. Inoltre, gli utenti avranno più diritti per rescindere o modificare gli abbonamenti, anche quelli dei pacchetti tv-telefono-internet. 

Tra le disposizioni che rafforzano i diritti degli utenti: obbligo per le aziende di notificare ai consumatori come monitorare al meglio i consumi; garantire pari accesso agli utenti con disabilità; rendere più facile per i consumatori confrontare le offerte; rendere più facile per i consumatori cambiare operatore e ricevere una compensazione se l'operatore ritarda a eseguire il cambio.

I contratti, corredati da una sintesi sintetica e facilmente leggibile del contratto, devono contenere informazioni sui diritti dei consumatori ai rimborsi e al risarcimento: 

  • il diritto a un rimborso su richiesta, per i consumatori che utilizzano servizi prepagati, di qualsiasi credito residuo si tratti, se cambia operatore,
  • eventuali oneri dovuti alla risoluzione anticipata del contratto,
  • eventuali accordi di compensazione e rimborso che si applicano se il servizio contrattuale non soddisfa i livelli di qualità o se il fornitore risponde in modo inadeguato a un incidente, una minaccia o una falla della sicurezza.

L'utente deve mantenere il diritto di trasferire il proprio numero a un altro fornitore per un minimo di un mese dopo la fine del contratto, a meno che l'utente rinunci espressamente a tale diritto.

Altre disposizioni richiedono l'accesso alle informazioni contrattuali e ai servizi di emergenza da garantire agli utenti con disabilità. Inoltre, i fornitori di servizi di telecomunicazione devono utilizzare la crittografia per prevenire e ridurre al minimo l'impatto degli incidenti di sicurezza sugli utenti.

Skype e Whatsapp

Le nuove norme mirano inoltre a rendere i servizi web come Skype o Whatsapp “più trasparenti e affidabili per gli europei”, così come affermato dalla relatrice del disegno normativo Pilar Del Castillo Vera, membro del Partito popolare europeo. “Dalla scorsa revisione, nel 2009, il mercato dei servizi di comunicazione elettronica è cambiato drasticamente. I nuovi attori emersi sono stati una diretta conseguenza della possibilità di fare affidamento, da parte dei consumatori e delle aziende, nei servizi di accesso internet e digitale. Con le nuove regole rendiamo più moderna questa struttura, con una portata tale da includere anche i nuovi attori”, ha dichiarato.

Sistema di allerta rapido

Si tratta di una sorta di 112 al contrario: con le nuove norme, i cittadini saranno allertati da un SMS in caso di gravi emergenze e disastri, come un attacco terroristico o una catastrofe naturale. Sarà inoltre possibile inviare avvisi tramite app mobili e verranno utilizzati strumenti di geolocalizzazione per un'allerta più accurata.  

5G nell'Ue entro il 2020

Il testo fissa anche una road map per la diffusione del 5G in tutta Europa e recepisce norme già concordate in precedenza volte a rendere più facile gli investimenti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento