menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine Europarl

Immagine Europarl

Bici elettriche cinesi, la Commissione Ue avvia indagine antidumping

La risposta di Bruxelles dopo le proteste delle scorse settimane da parte dei produttori europei. Fioravanti: “Nel 2017 oltre 800mila e-bike dalla Cina. Servono dazi”

Poche settimane fa, i produttori europei avevano chiesto a gran voce misure per fermare il dumping. Adesso, la Commissione Ue ha deciso di aprire un'indagine sulle biciclette elettriche cinesi.  

L'appello a Bruxelles era stato lanciato dal segretario generale dell'associazione europea dei fabbricanti di bici (Ebma), l'italiano Moreno Fioravanti: “Le importazioni di e-bike dalla Cina sono aumentate rapidamente e ora sono esplose", passando “da virtualmente zero nel 2010 a un livello che probabilmente supererà le 800mila nel 2017".

Il boom cinese

Nel 2016, secondo l'associazione, le e-bikes prodotte in Cina rappresentavano il 70% del mercato europeo. Nei primi sette mesi di quest'anno, il volume di importazioni avrebbe già superato quello dello scorso anno. Ricordando che i produttori europei nel 2016 hanno investito 1 miliardo di euro nello sviluppo di biciclette elettriche e sono all'origine delle più recenti innovazioni nel settore, Fioravanti ha chiesto alla Commissione di registrare le importazioni, di adottare misure anti-dumping urgenti, anche con dazi retroattivi, e di indagare su pratiche commerciali scorrette da parte di esportatori cinesi di e-bikes.

La risposta di Bruxelles è arrivata con l'avvio di una indagine anti-dumping. Azione accolta "con forte favore" dall'Ebma. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento