menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Benzina, l'Ue contro gli sconti in Lombardia: toglieteli o vi multiamo

Bruxelles ha aperto una procedura di infrazione contro l'Italia. Sotto accusa la riduzione dell'Iva sul carburante per le stazioni di servizio vicine al confine con la Svizzera

In Lombardia, più ci si avvicina al confine con la Svizzera, più la benzina costa meno. E' il frutto di una legge italiana che consente di ridurre l'aliquota Iva applicata al carburante quanto più la stazione di rifornimento è prossima alla frontiera elvetica. Dove, si sa, fare il pieno conviene. Ma questa legge viola le regole Ue e pertanto va abrogata: lo sostiene la Commissione europea, che ha avviato una procedura di infrazione contro ll'Italia, chiedendo che uniformi le norme sul prezzo del carburante in Lombardia al diritto dell'Ue. 

Per Bruxelles, le leggi fiscali italiane consentono di avere due aliquote Iva diverse per lo stesso prodotto, la benzina, a seconda del luogo in cui viene acquistato. "Questa legge - avvertono dalla Commissione - crea distorsioni della concorrenza e viola le disposizioni delle norme comuni dell'Ue, che vieta agli Stati membri di trattare beni analoghi in modo diverso ai fini dell'Iva". Se l'Italia non si attiverà entro i prossimi due mesi, la Commissione passerà alla seconda fase della procedura di infrazione, con l'invio di un parere motivato alle autorità italiane. Il procedimento è lungo, ma se il Belpaese non si adeguerà alle richieste Ue, il rischio è di ritrovarsi un giorno a pagare una pesante multa. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate alle Maldive? Il Paese offrirà il vaccino ai turisti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento