L'Austria taglia le indennità per i figli di cittadini Ue. E la Romania s'infuria

Vienna ha deciso di ridurre i contributi ai genitori di altri Paesi membri che lavorano nel Paese. Per Bucarest è una violazione dei principi dell'Unione

Il premier austriaco Sebastian Kurz

Una violazione dei principi alla base della legislazione dell'Ue. Cosi' la Romania ha bollato la decisione del governo di centrodestra austriaco di ridurre le indennità per i figli dei cittadini europei che lavorano nel Paese. 

In una nota diramata dal ministero degli Esteri rumeno, Bucarest esprime preoccupazione per la misura varata dall'Austria, che prevede che le indennità per i figli a carico dei cittadini Ue siano equiparate a quelle previste dai loro Paesi d'origine. La misura si attua solo ai minori che continuano a vivere nel loro Paese e non a quelli effettivamente residenti in Austria. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Romania, che dal primo gennaio ha assunto la presidenza di turno dell'Ue, considera che l'appartenenza all'Unione obbliga tutti gli Stati a garantire un trattamento corretto, equo e non discriminatorio a tutti i cittadini europei. Per questo, metterà l'argomento nell'agenda europea dei prossimi mesi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento