menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Airbus taglia 15mila posti di lavoro: “È la crisi peggiore mai vissuta dal settore”

La decisione del gigante dell'industria aerospaziale dopo un crollo del 40% del volume d'affari. Lavoratori tedeschi e francese tra i più colpiti dal piano di licenziamenti e riduzione del personale

La società europea Airbus, prima produttrice mondiale di aerei civili, taglierà 15mila posti di lavoro per affrontare “la crisi più grave che questo settore abbia mai vissuto”. Il comunicato del gigante dell’industria aeronautica e spaziale è arrivato nella serata di ieri, accompagnato da un video sui social con il quale l’amministratore delegato, Guillaume Faury, ha avvertito che “la riduzione dei posti di lavoro è inevitabile” dal momento che “una parte del nostro volume d’affari è scomparso” e non sembra destinato a tornare nel breve periodo. 

I licenziamenti

Il taglio di dipendenti comincerà nei prossimi mesi per concludersi entro l’estate del 2021. L’impresa europea per antonomasia, nata dalla fusione tra un consorzio industriale franco-tedesco al quale si aggiunsero partecipanti spagnoli e britannici, lascerà a casa 5.100 lavoratori tedeschi, 5.000 francesi, 1.700 britannici, 900 spagnoli e e 1.300 dipendenti del gruppo sparsi in tutto il mondo. Airbus dovrà quindi rinunciare all’11% della sua intera forza lavoro per contrastare i danni causati da una crollo delle attività pari al 40% a seguito della pandemia.

La crisi

“Le misure che abbiamo adottato finora - sottolinea Faury - ci hanno permesso di assorbire lo shock iniziale di questa pandemia globale”. Ma ora, prosegue l’amministratore delegato della società, “dobbiamo assicurarci di poter sostenere il nostro gruppo al meglio ed uscire dalla crisi come leader aerospaziale sano e globale, adattandosi alle sfide di fronte ai nostri clienti”. Per affrontare questa situazione, aggiunge, “ora dobbiamo adottare misure di più ampia portata”. Il Consiglio di amministrazione del gruppo si impegna quindi “a limitare l'impatto sociale” di queste misure.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento