Addio alle file: tutte le principali pratiche burocratiche a portata di clic

Il Parlamento europeo chiede di ampliare la lista di certificazioni da assicurare on line a tutti i cittadini e le imprese europee. Prevista la creazione di un portale unico in tutta Europa che rimandi poi ai siti nazionali, in più lingue

European Parliament

Dall'atto di nascita all'immatricolazione dei veicoli, dai permessi d'attività commerciale all'iscrizione alla sicurezza sociale e dal certificato di residenza all'iscrizione alle università pubbliche, il tutto in un semplice clic e senza snervanti file. La Commissione IMCO, Mercato interno e Protezione dei consumatori del Parlamento Ue, ha chiesto oggi di allargare la lista della pratiche amministrative più importanti che gli Stati membri devono assicurare on line ai propri cittadini ed alle proprie imprese. 

Con il loro voto gli eurodeputati hanno inserito anche nuove certificazioni, come la domanda per il riconoscimento delle qualifiche professionali, le dichiarazioni dei redditi e l'iscrizione all'Iva per le imprese. 

Un portale europeo unico

La Commissione Imco chiede anche di realizzare un portale unico in tutte le 24 lingue della Ue per aiutare i cittadini ed imprese ad accedere alle informazioni e procedure. Il portale dovrebbe poi fornire l'accesso ai siti nazionali, anche loro in più lingue, rendendo quindi più facile la creazione di attività imprenditoriali in un altro Paese Ue o la ricerca di un lavoro all'estero.

Solo "in casi eccezionali e giustificati", come la lotta anti frode, gli Stati potranno esigere un passaggio procedurale non on-line mentre dovrà essere assicurata l'accessibilità ai siti anche alle persone con funzionalità ridotte.

Negoziati con Commissione e Consiglio

Con il voto di oggi, gli eurodeputati hanno anche fornito un mandato ad una delegazione del Parlamento Ue per negoziare con la Commissione ed il Consiglio la versione finale del nuovo regolamento sull'accesso on line della pubblica amministrazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Partecipa a orgia con 24 uomini, deputato del partito di Orban fermato dalla polizia a Bruxelles

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Pistola e lingotti d'oro nel comodino del premier bulgaro. Che si difende: “Colpa di una bella donna”

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

  • "Tornerò in Russia per portarla verso l’Ue". Navalny lancia la sfida a Putin

Torna su
EuropaToday è in caricamento