menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa Luca Zennaro

Foto Ansa Luca Zennaro

Anche l'Fmi propone di aumentare le tasse ai ricchi per colmare le diseguaglianze

Il Fondo monetario internazionale avverte che la pandemia non ha fatto altro che aumentare le differenze all’interno della società e sottolinea che questo potrebbe innescare disordini sociali

La pandemia di Coronavirus ha aumentato il divario di reddito tra i più ricchi e i più poveri aumentando le già forti disuguaglianze mondiali. Per porre un freno a questa situazione anche il Fondo monetario internazionale ha lanciato un appello ai governi affinché redistribuiscano le ricchezze tassando le famiglie più facoltose. Lo shock economico innescato dalla crisi sanitaria potrebbe andare a minare l’atteggiamento pubblico nei confronti dell'equità della tassazione e dei sistemi di welfare, portando inevitabilmente a disordini sociali, ha avvertito l'organizzazione con sede a Washington che ha sottolineato anche che, secondo i sondaggi, i governi otterrebbero più sostegno se spostassero l'onere della tassazione dai lavoratori a basso e medio reddito ai membri della società più abbienti.

L’ente ha per questo invitato i governi "a fornire a tutti una possibilità". Come spiega il Guardian, nonostante le finanze governative siano state sottoposte alla pressione della spesa sanitaria e assistenziale durante la pandemia, secondo il Fmi l’obiettivo dei ministri dovrebbe essere quello di "consentire a tutti gli individui di raggiungere il loro potenziale e rafforzare la resilienza delle famiglie vulnerabili, preservando la stabilità sociale, garantendo quindi una più ampia stabilità economica”.

Il Fmi, che ha concesso decine di miliardi di dollari in prestiti ai Paesi in via di sviluppo nell'ultimo anno, ha affermato che, durante la pandemia, è stata soprattutto la transizione al digitale a danneggiare le prospettive di lavoro e portare a tassi più elevati di disoccupazione nel lungo periodo. “In questo contesto, nella società potrebbe esserci una crescente polarizzazione, una sfiducia nei confronti del governo e disordini sociali. Questi fattori inevitabilmente complicano la definizione di una sana politica economica e pongono rischi per la stabilità macroeconomica e il funzionamento della società”, ha affermato l’ente. Più di 100 paesi si sono rivolti al Fmi per ricevere aiuto da quando è iniziata la pandemia, che ha portato alla più grande contrazione dell'economia globale dagli anni '30. Un pacchetto di prestiti del valore di 500 miliardi di dollari è stato mobilitato principalmente per i Paesi più poveri.

Recenti sondaggi negli Stati Uniti e in Europa hanno mostrato un drammatico aumento del tasso di approvazione per politiche fiscali più progressiste, ha detto il Fmi. “Il dato positivo è che la pandemia ha confermato la parità di accesso ai servizi di base. Una migliore performance in quest’area ha rafforzato la resilienza alla pandemia ed è fondamentale per la ripresa economica a vantaggio di tutti e per rafforzare la fiducia nel governo", ha aggiunto. Per questo l’ente ha dichiarato che "se i governi, oltre a garantire i servizi di base, riuscissero a rafforzare la trasparenza e la responsabilità, la fiducia migliorerà”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento