“Nazionalizzare Nokia e Ericsson per battere Huawei sul 5G”, la proposta Usa all'Ue

Il procuratore generale statunitense invita la Casa Bianca e i suoi alleati a prendere il controllo dei campioni europei dell’high-tech per contrastare l’espansione del gigante cinese delle telecomunicazioni

Arriva da Bill Barr, procuratore generale degli Stati Uniti - patria della dottrina economica liberista - l’inatteso invito a “mettere il nostro grande mercato e i nostri muscoli finanziari dietro una o entrambe le aziende per renderle un concorrente molto più forte ed eliminare le preoccupazioni sul potere” di Huawei. Le due imprese da sostenere, se non da mettere sotto il diretto controllo statale, sono “Nokia ed Ericsson”, definite “le uniche due aziende capaci di competere con Huawei”.

La concorrenza cinese

Quest’ultimo è infatti il gigante orientale dell’high-tech la cui espansione va vista con sospetto, perché “se la Cina stabilirà il dominio esclusivo sul 5G, sarà in grado di dominare le opportunità derivanti da una straordinaria gamma di tecnologie emergenti, che dipenderanno e si intrecciano con la piattaforma 5G”. L’allarme sull’attivismo cinese in campo tecnologico riguarda le presunte relazioni con il Governo di Pechino e la multinazionale delle telecomunicazioni.

La proposta

“La preoccupazione principale di questi fornitori - spiega Barr riferendosi a Nokia e Ericsson - è che non hanno né la scala di Huawei né il sostegno di un Paese potente con un grande mercato interno come la Cina”. Quel che propone Barr è che il Governo di Washington acquisisca “la proprietà di una partecipazione di controllo, direttamente o tramite un consorzio di società private americane e alleate”. La partecipazione statale servirebbe a garantire investimenti e competitività su scala globale ai due giganti europei della tecnologia, che - secondo Barr - dovrebbero finire sotto controllo, direttamente o indirettamente, della Casa Bianca. 

Questioni di sicurezza

Intervenendo a una conferenza sulle minacce alla sicurezza informatica americana, tenutosi presso il Center for Strategic and International Studies di Washington, il procuratore generale ha infine invitato gli Stati Uniti a muoversi con rapidità per rimettere in discussione il dominio di Huawei nel mercato delle comunicazioni 5G di prossima generazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Varoufakis diffonde gli audio segreti delle riunioni dell’Eurogruppo. Ue: “Siamo rammaricati”

  • La Nato ‘ordina’ a Bruxelles di comprare più F35

  • “Il Carnevale è antisemita, sia vietato”, Israele contro i carri di Aalst

  • Ok alla fabbrica di auto ecologiche Tesla, ma si disboscheranno 92 ettari di boschi

  • Coronavirus, Ue contro Salvini: "Deplorevole uso crisi a fini politici"

  • "Stare a letto o passare cinque giorni immersi in vasca", i nuovi studi dell'Esa sull'assenza di gravità

Torna su
EuropaToday è in caricamento