Stop a stage gratuiti, la proposta della Commissione Ue

Bruxelles ha presentato 14 criteri per regolare il primo ingresso nel mercato del lavoro dei giovani. Tra questo, la presenza di un compenso o di una retribuzione 

Sportello informativo per giovani in cerca di lavoo in una foto d'archivio. ANSA / ALESSANDRO DI MARCO

Un nuovo quadro europeo per impostare stage, tirocini e apprendistati in modo che l'esperienza che fanno i giovani di introduzione sul mercato del lavoro sia di qualità. Lo ha presentato la Commissione Ue, stabilendo 14 criteri, tra cui la presenza di un compenso e/o retribuzione, che dovranno essere seguiti dai tirocini per garantirne l'efficacia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I criteri

Questi definiscono da una parte le condizioni di apprendimento e di lavoro con l'imposizione di un contratto scritto, i risultati di apprendimento, un supporto pedagogico, almeno metà svolgimento sul posto di lavoro e con la possibilità che sia all'estero, una retribuzione e/o un compenso, la protezione sociale, e condizioni di lavoro, salute e sicurezza in linea con le regole.
 
Dall'altro vengono proposti anche sette criteri per le condizioni generali, ovvero la presenza di un quadro di regolamentazione chiaro tra le parti che stipulano l'apprendistato, la partecipazione delle parti sociali, un sostegno sia finanziario che non alle imprese, dei percorsi flessibili di ingresso e mobilità all'estero, orientamento professionale e sensibilizzazione per evitare abbandoni, trasparenza delle offerte di tirocinio, e un'assicurazione qualità e il monitoraggio del percorso di carriera chi svolge l'apprendistato.
 
"Le nostre proposte sono volte a migliorare ulteriormente questa preziosa esperienza di formazione", ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis, sottolineando che "il nostro obiettivo finale è facilitare l'inserimento dei giovani nel mercato del lavoro". Per questo Bruxelles promuove l'applicazione di questi criteri tramite finanziamenti Ue che provengono dal Fondo sociale europeo (da solo fino a 27 miliardi di euro), Erasmus+, e altri strumenti tra cui l'Alleanza europea per l'apprendistato e la Garanzia Giovani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Chiuderemo Facebook e Instagram in Europa", ecco il perché della minaccia di Zuckerberg

  • “I migranti ci penseranno due volte prima di imbarcarsi per l’Europa”, bufera sul nuovo piano Ue

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • "Svezia verso l'immunità di gregge, lì la pandemia potrebbe essere finita"

  • Code di 7mila tir e crisi peggiore del Covid: Londra adesso teme la Brexit senza accordo

  • Cercasi rifiuti: termovalorizzatori danesi a secco perché manca la spazzatura da bruciare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento