#BACKTOSCHOOL: riportare i minori rifugiati a scuola per la loro formazione e per combattere abusi e radicalizzazione

Dal 2015 1,5 milioni di bambini rifugiati è approdato nella Ue. Oggi gruppo S&D presenta uno studio sulla loro situazione: per guerra e burocrazia perdono importanti anni di scuola, recuperarli all'insegnamento per formarli e proteggerli

ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Riportare i bambini rifugiati a scuola per evitare di perdere una generazione e di esporli ad abusi, violenze e radicalizzazione. E' questo l'appello lanciato al Parlamento Ue dal gruppo S&D sulla base dello studio #BACKTOSCHOOL realizzato dal Global Progressive Forum (GPF), in vista del dibattito nell'Eurocamera con la Commissione e il Consiglio Ue sulla protezione dei bambini rifugiati, previsto per maggio.

Il diritto dell'Ue prevede che ogni paese europeo debba offrire accesso all'istruzione a ciascun minore rifugiato entro 3 mesi dalla domanda di asilo. La ricerca promossa dal Global Progressive Forum, in collaborazione con il Migration Policy Group e la rete Sirius su migrazione e istruzione, evidenzia invece ritardi e mancanze di risorse per raggiungere questo obiettivo. Nei casi migliori, l'istruzione fornita si traduce spesso in attività educative-ricreative, non in una vera e propria scuola. Inoltre, ci sono differenze significative tra i paesi Ue e anche all'interno dello stesso paese.

Dal 2015 1,5 milioni di bambini in fuga è approdato nella Ue

“Dall'inizio del 2015, sono arrivati nei campi profughi di Europa e Turchia almeno 1,5 milioni di bambini in fuga da conflitti e la maggior parte di loro ha già perso in media due anni e mezzo di scuola nel proprio paese a causa dell'impatto di conflitti e violenze", ha affermato, presentando lo studio, l'eurodeputato S&D e presidente del GPF, Enrique Guerrero. Una volta in Europa, continua Guerrero, "i trasferimenti tra i centri per i rifugiati e altri ritardi nella valutazione delle loro richieste di asilo possono far trascorrere fino a tre anni e mezzo in più durante i quali vengono privati delle opportunità di apprendimento. Per i minori non accompagnati, i ritardi possono essere anche maggiori, data la necessità di assegnare loro un tutore".

La scuola il modo migliore per proteggerli dagli abusi 

“Pragmaticamente parlando, mandare i bambini rifugiati a scuola è anche il modo migliore per proteggerli dagli abusi, dallo sfruttamento e dalla radicalizzazione". Sfortunatamente, uno dei risultati più drammatici del nostro studio è che la maggior parte di questi bambini è scomparsa drammaticamente dai radar delle autorità pubbliche. Ci sono pochissimi dati ufficiali e informazioni su di loro e sulla loro integrazione nelle scuole”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Thomas Huddleston, direttore della ricerca presso il Migration Policy Group e presidente della rete Sirius su migrazione e istruzione, ha sottolineato "il sostegno ancora insufficiente" previsto dagli Stati membri "per i rifugiati in età scolastica e per le loro famiglie, con grandi differenze e lacune tra i paesi europei: anche l'Europa sta dimenticando i bambini rifugiati non controllando i percorsi scolastici e di integrazione di questi minori. L'Europa non può chiudere un occhio sui bisogni di questi bambini e sul loro forte desiderio di imparare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • Per fermare il coronavirus in Galizia vietato anche fumare per strada

  • Svedesi via da casa a 17 anni, italiani a 30. Ma in Ue c'è chi è più "mammone" di noi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento