Svedesi via da casa a 17 anni, italiani a 30. Ma in Ue c'è chi è più "mammone" di noi

In Croazia e Slovacchia l'età media più alta tra i giovani che vanno a vivere da soli per la prima volta. In Europa sono in generale le donne ad emanciparsi dai genitori

In Svezia si lascia la casa dei genitori già prima dei 18 anni, in media a 17,8 anni. In Italia, invece, la media è dopo i 30 anni. Ma in Ue non siamo i più "mammoni": croati e slovacchi vanno a vivere da soli rispettavente a 31,8 e 30,9 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta dall'Eurostat sugli under 35.

Stando ai dati 2019, i giovani del Nord Europa sono quelli che più facilmente lasciano la casa in cui hanno vissuto sino a quel momento con i genitori. Dopo la già citata Svezia ci sono altri due Paesi scandinavi, la Danimarca (21,1 anni) e la Finlandia (21,8 anni), seguiti dal Lussemburgo (20,1 anni). Via presto da casa anche in Estonia (22,2 anni), Francia (23,6 anni), Germania e Paesi Bassi (entrambi con una quota media di 23,7 anni). A restare più a lungo con i genitori, invece, sono gli oramai meno giovani ultratrentenni di Croazia (31,8 anni) e Slovacchia (30,9 anni). Al terzo posto troviamo l'Italia (30,1 anni), seguita da Bulgaria (30,0 anni), Malta (29,9 anni), Spagna (29,5 anni), Portogallo (29,0 anni) e Grecia (28,9 anni).

L'abbandono del nucleo familiare è spesso influenzato dal fatto che i giovani abbiano o meno una relazione con un partner o da motivi di studio, dal loro livello di indipendenza finanziaria, dalle condizioni del mercato del lavoro, dall'accessibilità economica degli alloggi ma anche da alcune peculiarità culturali. In media, nel 2019 i giovani dell'Ue hanno lasciato il nucleo familiare dei genitori all'età di 26,2 anni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall'indagine, inoltre, emerge come in quasi tutti gli Stati membri dell'Ue, le giovani donne tendano a lasciare la famiglia prima degli uomini. L'unica eccezione è stata il Lussemburgo (20,3 anni per le donne, rispetto a 20 anni per gli uomini). Le maggiori differenze tra i due sessi sono state registrate in Romania (25,7 anni per le donne, rispetto a 30,3 per gli uomini), Bulgaria (27,6 contro 32,1), Croazia (29,9 contro 33,6), Lettonia (24,8 contro 28,1), Ungheria (25,8 vs 28,5) e Slovacchia (29,6 vs 32,1).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • Nuovi lockdown a Madrid, a Marsiglia terapie intensive piene. In Ue avanza la seconda ondata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento