Arriva la banca per minorenni Vybe, e 'sbanca' il mercato grazie a Instagram

Prima ancora che il servizio diventi operativo più di 220mila giovani dai 12 ai 18 anni hanno scaricato l'applicazione, che punta a modellare la sua offerta sulle richieste dei giovani clienti

Foto archivio Ansa

È stata lanciata da meno di due mesi ma Vybe, la “banca online dei teenager”, sta già diventando un fenomeno in Francia e si appresta a diventarlo anche a livello internazionale.

Successo immediato

Dal suo lancio su Apple e Play store l'applicazione creata da cinque giovani parigini di età compresa tra 21 e 28 anni è stata scaricata più di 220.000 volte, nonostante il servizio non sia ancora operativo, dimostrandosi un fenomeno nelle applicazioni per smartphone del settore, e puntando tutto sul passaparola nei social, nello specifico su Instagram, quello più utilizzato dalle giovani generazioni. “Stiamo prendendo di mira solo ragazzi di età compresa tra 12 e 18 anni, ovvero la generazione Z, dalla quale noi stessi proveniamo. E ci rivolgiamo a loro come faremmo quando parliamo tra di noi, abbiamo gli stessi codici ”, ha spiegato a Le Soir il Ceo 24enne, Vincent Jouane.

Trasparenza

Come racconta il quotidiano belga il team, nato in un coworking del quartiere Marais della capitale francese e supportato dal fondo di investimento The Family, sin dagli inizi del progetto ha comunicato solo sul social network Instagram. "Riceviamo circa 300 domande all'ora su Insta, gli amici ci aiutano a rispondere il più rapidamente possibile. Abbiamo inserito tutte le FAQ, le domande più frequenti, perché per la generazione Z la trasparenza è essenziale. Al punto che anche quando abbiamo avuto un ritardo lo abbiamo ammesso e spiegato. Non nascondiamo nulla", ha continuato il giovane capo.

Modellarsi sulle esigenze dei clienti

Lo scopo è quello di diventare una banca digitale "co-creata" con i suoi giovani clienti, per modellarsi sulle loro esigenze specifiche. Attualmente Vybe non offre ancora nulla ma a partire da marzo verranno emesse le prime 10mila carte Mastercard prepagate, l'unico servizio bancario fornito. E piano piano verranno soddisfatti i 150mila pre-ordini già effettuati tramite l'app. Poi la banca crescerà con tutti quelli che vi si sono uniti. "Il nostro piano aziendale prevede che, a partire dal prossimo anno, offriremo prodotti come prestiti agli studenti e assicurazioni specifiche per coloro che hanno ordinato le loro carte a 17 anni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

4mila partner

E per finanziarsi, ha raccontato il Ceo alla testata, "Vybe si baserà inizialmente su commissioni che addebiteremo ai nostri partner ”. L'applicazione offre un pacchetto di sconto ai suoi clienti, se usano la loro carta con uno dei partner che vanno da McDonald's ad Asos, passando per Deliveroo, Fnac o Adidas. Anche qui il sucecsso è già assicurato visto che sono già 4mila le aziende che vogliono firmare un contratto con la società emergente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento