menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Paolo De Castro. © European Parliament

Paolo De Castro. © European Parliament

Salvini vuole i dazi per difendere il Made in Italy? "Così mette a repentaglio le nostre eccellenze", ribatte De Castro

L'eurodeputato del PD contro la proposta del leader del Carroccio di seguire il cammino protezionistico di Trump. "Con i dazi immediate ritorsioni alle nostre esportazioni", in particolare nel settore agroalimentare, avverte De Castro

Paolo De Castro contro Matteo Salvini un po' come a Davos ha fatto Angela Merkel contro Donald Trump. Il tema, infatti, è sempre lo stesso, quello caldissimo dei dazi. Il leader del Carroccio ha affermato oggi a Mattino Cinque di stare "con Trump". "Lui difende l'industria americana", ha aggiunto Salvini, "vuole salvare i posti di lavoro e tutti lo attaccano. Io invece voglio fare in Italia la stessa cosa, si possono mettere i dazi".

De Castro: "Che ne sarebbe delle nostre eccellenze agroalimentari?"

De Castro invece sta con la Merkel, ma con argomenti diversi rispetto a quelli della cancelliera. “Leggo con stupore le dichiarazioni di fuoco del 'collega' Matteo Salvini - scrive in una nota l'eurodeputato PD - che vuole mettere dazi per difendere il Made in Italy. Considerando - come sa bene Salvini - che nessun Stato membro dell’Ue può unilateralmente introdurre dazi, cosa ne sarebbe delle nostre eccellenze agroalimentari?”

"Con il protezionismo immediate ritorsioni alle nostre esportazioni"

“A finire sotto attacco - prosegue De Castro - sarebbero vini, prosciutti, formaggi e altri prodotti che esportiamo per oltre 40 miliardi di euro, con una crescita del 7% solo nel 2017”. “Una politica protezionista - spiega il primo vice presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Ue - provocherebbe immediate ritorsioni sulle nostre esportazioni. Oppure l’amico Salvini pensa che i Paesi colpiti dai dazi 'italiani' reagirebbero con un 'grazie'?”. “Sarebbe forse meglio - conclude De Castro - che tutti lavorassero come noi per raggiungere al più presto l'obiettivo dei 50 miliardi di euro di esportazioni del Made in Italy”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento