Toscana, Liguria, Sardegna e Corsica insieme per lo sviluppo. Nasce l'incubatore di imprese InViTra

Sorgerà a Bastia e metterà in campo un percorso di accompagnamento alla creazione di aziende a partire da una piattaforma online in cui reperire tutte le informazioni e i servizi necessari per passare da un progetto alla sua realizzazione

Attraverso una strategia transfrontaliera far nascere e crescere nuove realtà imprenditoriali tra Italia e Francia. È questo l'obiettivo di In.Vi.Tra, acronimo di Incubatore virtuale transfrontaliero, la cui fase operativa è stata lanciata ufficialmente a Bastia, in Corsica. Con un bilancio di circa 1,2 milioni di euro, il progetto è finanziato attraverso il Programma Interregionale Italia-Francia marittimo, coordinato dalla Liguria (Unioncamere e Atena Centro Servizi) e vede fra i suoi partecipanti soggetti pubblici e privati in Toscana (Unisco Toscana Link Srl), Sardegna(Camera di Commercio di Nuoro e Agenzia Regionale Confcooperative per lo Sviluppo in Sardegna), Corsicae Var (Petra Patrimonia Corsica e CDE Petra Patrimonia).

Fino al novembre 2018, i partner del progetto attiveranno un percorso di accompagnamento alla creazione di impresa basato sull'istituzione di una piattaforma online che fornisca informazioni, consulenza e risorse ai settori economici prioritari e al loro sviluppo nei territori del progetto, fornendo consulenza sul come passare dall'idea alla creazione dell'azienda vera e propria, sugli aspetti giuridici, fiscali e finanziari correlati alla società e, più in particolare per quanto riguarda le cooperative, sui nuovi sviluppi in materia di finanziamento di start-up aziendali e sulle possibili modalità per fare rete con potenziali partner per assicurare lo sviluppo della società. Questa piattaforma online è ispirata ai modelli “One Stop Shop”, una sorta di social network per imprese da cui reperire tutte le informazioni e i servizi e dove si potranno condividere le idee con potenziali soci e finanziatori.

L’industria navale, il turismo, le biotecnologie e le energie rinnovabili sono alcuni dei settori in cui l'incubatore virtuale italo-francese punta a promuovere nuove startup, cooperative e aziende mettendo loro a disposizione una serie di servizi personalizzati anche attraverso incontri con ciascun partner per strutturare il business plan di un'impresa cooperativa e sostenere il suo lancio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prima fase del progetto ha interessato la ricognizione delle attività che i partner già svolgono sui rispettivi territori, la seconda fase la messa a regime degli strumenti e dei servizi innovativi e ora si entra nella fase più importante, quella operativa, con la piattaforma web del progetto attiva. Tra i suoi obiettivi, ad esempio, la creazione di 50 nuove imprese cooperative e 250 posti di lavori in tre anni solo in Toscana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento