Non lasciare indietro le regioni più svantaggiate: dal Parlamento Ue un appello allo sviluppo del Mezzogiorno

Approvata una risoluzione per colmare il gap di crescita e di reddito di 47 regioni di Italia, Spagna, Grecia, Portogallo, Bulgaria, Ungheria, Romania e Polonia. La ricetta: investimenti, formazione, crediti facilitati, miglioramento dell'amministrazione, sostegno a imprese e turismo

ANSA/ CIRO FUSCO

Non lasciare indietro le regioni più svantaggiate e che non siano loro a pagare la stretta del bilancio post-Brexit. E' questa la richiesta lanciata oggi dal Parlamento Ue approvando a larghissima maggioranza una risoluzione, firmata dall'eurodeputata del Pd Michela Giuffrida, sulle regioni a basso reddito ed a bassa crescita. 

Oggetto dell'iniziativa sono 47 regioni in ritardo di sviluppo in 8 Stati membri: "le regioni a bassa crescita" con un PIL vicino alla media UE ma con tassi di crescita bassi - il Mezzogiorno in Italia, regioni in Spagna, Grecia e Portogallo - e “regioni a basso reddito” con un PIL basso, ma con tendenze di crescita incoraggianti, in Bulgaria, Romania, Ungheria e Polonia. In totale 83 milioni di cittadini comunitari, circa un sesto di tutta la Ue, vivono in queste 47 regioni.

Giuffrida, Pd: "Responsabilità verso queste regioni"

"E’ necessario - afferma Giuffrida - individuare un nuovo e più bilanciato equilibrio tra politica di Coesione e politica economica europea per evitare che le Regioni in ritardo di sviluppo siano addirittura penalizzate da condizionalità e vincoli che si trasformano in strumenti punitivi proprio per quei territori che dovrebbero essere i primi destinatari del supporto della Ue". "Abbiamo una responsabilità - insiste l'eurodeputata Pd - verso queste regioni che deriva dallo stesso spirito di solidarietà e sostegno alla base del progetto europeo. L’ottica punitiva non le aiuterà a crescere, né l’Europa a rafforzare la sua integrazione.”

Le misure da attuare

Oltre ai finanziamenti prioritari dell'Ue, gli eurodeputati chiedono strategie su misura per colmare le distanze con le altre regioni e offrire prospettive dinamiche alle loro popolazioni. Andando sul concreto, il Parlamento invita la Ue a promuovere l'istruzione e la formazione per ridurre la disoccupazione e aiutare i giovani a rimanere in queste regioni, assicurare un più facile accesso al credito per le imprese, sostenere e migliorare la qualità dell'amministrazione e delle istituzioni regionali e sostenere le attività produttive delle imprese, compreso il turismo sostenibile, l'economia circolare e l'agricoltura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento