“La Sicilia restituisca 380 milioni”, il Tribunale Ue dà ragione alla Commissione

Spese di personale gonfiate, consulenti esterni privi di qualifiche, violazioni delle norme sugli appalti: sono solo alcune delle cause che hanno portato alla sentenza con cui i giudici di Lussemburgo hanno condannato la regione (e l'Italia) a ridare indietro quasi un terzo delle risorse spese per il Fondo sociale europeo 2000-2007. “Mancano controlli affidabili”

Foto: Regione Sicilia

Spese di personale gonfiate, consulenti esterni privi di qualifiche, violazioni delle norme sugli appalti. E poi ancora spese sostenute per progetti che erano stati presentati dopo la scadenza dei bandi, mancanza di giustificativi, attività non attinenti ai progetti. Sono alcune delle irregolarità, se non proprie e vere frodi, che hanno portato il Tribunale dell'Ue a condannare l'Italia alla restituzione di 380milioni di fondi europei.

Le risorse fanno parte del Fondo sociale 2000-2007 della Regione Sicilia, a cui di fatto sono imputate le contestazioni mosse dalla Commissione europea e confermate dai giudici di Lussemburgo. Una sonora (e costosa) bocciatura della gestione di un fondo che nel complesso valeva 1,2 miliardi: in sostanza, più di un quarto delle risorse destinate all'Isola dovranno tornare a Bruxelles. 

Le irregolarità

“A partire dal 2005 – scrive la Corte Ue - la Commissione ha effettuato vari audit dei sistemi di gestione e controllo predisposti dalle autorità responsabili, all'esito dei quali essa ha riscontrato gravi carenze nella gestione e nei controlli dell'intervento finanziario nonché varie irregolarità in diverse operazioni (alcune accertate dall’Olaf, l'organismo anti frode)”. Tra le irregolarità: “operazioni relative a progetti presentati dopo la scadenza del termine di presentazione delle domande di partecipazione; spese di personale non correlate al tempo effettivamente impiegato per i progetti; consulenti esterni privi delle qualifiche richieste; giustificativi di spesa insufficienti; spese non attinenti ai progetti; esecuzione delle attività non conforme alla descrizione dei progetti; violazione delle procedure di appalto e di selezione di docenti, esperti e fornitori”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Controlli inaffidabili

L'Italia aveva tentato di opporsi alle contestazioni della Commissione, ma il Tribunale ha dato ragione per intero all'Esecutivo comunitario, osservando come “sia innegabile l’esistenza di errori sistemici, imputabili a insufficienze nei sistemi di gestione e di controllo che si sono manifestati nel corso di diversi esercizi finanziari e ai quali non è stato posto del tutto rimedio fino alla fine della programmazione”. In particolare, i giudici europei contestano all'Italia la mancanzz “di un sistema di controlli affidabile e operativo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento