Cioccolato di Modica: la Commissione Ue ha detto sì al riconoscimento del marchio IGP

Per apporre il bollino alle confezioni del pregiato cioccolato siciliano manca solo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Ue e quindi aspettare i 90 giorni in cui gli altri Stati membri possono presentare reclami

EPA/LEGNAN KOULA

La Commissione Ue ha detto sì ed ora mancano solo due passaggi perché il Cioccolato di Modica possa infine fregiarsi del marchio IGP di Indicazione Geografica Protetta. Bruxelles ha infatti concluso l’esame del dossier chiudendo così la delicata istruttoria avviata nel giugno del 2017, dopo il via libera del Ministero per le Politiche agricole italiano.

Per apporre il bollino IGP alle confezioni di cioccolato mancano solo due passaggi: la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Ue, che avverrà a metà maggio e che apre i 90 giorni di tempo per presentare eventuali opposizioni da parte degli altri Stati Membri. Se nessuno si opporrà, per metà agosto sarà infine festa per uno dei prodotti stella del settore enogastronomico sicilianano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giuffrida: "Il marchio IGP tutelerà il Cioccolato nei mercati internazionali"

“Il marchio di qualità europeo - afferma l'eurodeputata PD-S&D Michela Giuffrida - tutelerà da ora in poi il Cioccolato di Modica IGP sui mercati internazionali, cioè lì dove già oggi i nostri prodotti di eccellenza sono molto richiesti ma proprio per questo purtroppo soffrono di consistenti fenomeni di imitazione e contraffazione”. "Una tutela indispensabile - insiste Giuffrida - per un prodotto che ha assunto il ruolo di 'testimonial' di una intera quanto estesa area, quella del Sud-Est siciliano, dichiarata patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, che ha sviluppato la sua economia puntando decisamente sul segmento turistico legato all'enogastronomia e ai beni architettonici e culturali. Ma che vive, sulla pelle dei produttori e prima ancora degli agricoltori e delle piccole aziende familiari, l’aggressione delle politiche commerciali globalizzate". 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento