Treni, la strage silenziosa: in un decennio 159 morti in Italia

Secondo gli ultimi dati Eurostat, tra il 2007 e il 2016 ci sono stati 257 incidenti dovuti a deragliamenti, collisioni o scontri al passaggio al livello. Ma l'emergenza riguarda l'intera Ue: 422 le vittime ogni anno

L'incidente del 12 giugno 2016 a Corato / EPA

Prima dell'incidente di oggi a Pioltello, c'erano stati i 23 morti sulla linea tra Andria e Corato nel 2016. E prima ancora Viareggio, Laces, Crevalcore, solo per ricordare i più tragici. In totale, tra il 2007 e il 2016, stando alle statistiche Eurostat, sono stati 257 gli incidenti lungo le linee ferroviarie italiane. Le vittime 159. Una vera e propria strage silenziosa, che rientra all'interno di un più vasto problema di sicurezza ferroviaria in Europa.

Già, perché a guardare i freddi numeri, tra deragliamenti, collisioni o scontri al passaggio al livello, l'Italia non è neppure tra i casi più gravi. C'è la Germania, che nello stesso periodo ha registrato 1.017 incidenti e 470 vittime. La Francia, con 1.062 incidenti e 333 morti. In questa triste classifica, spiccano i 609 morti in Polonia e i 315 in Ungheria, senza dimenticare i 199 in Spagna. In totale, nell'Unione europea, ogni anno sono 824 gli incidenti dovuti a queste tre tipoligie (deragliamenti, collisioni e scontri al passaggio al livello) e 422 le vittime.

Il triste primato di vittime

Se pero' dal computo di incidenti e vittime si tolgono gli scontri al passaggio al livello e si guarda esclusivamente ai problemi legati alla sicurezza dei treni e delle infrastrutture, ossia collissione e deragliamenti, il nostro paese è secondo solo alla Spagna in quanto a vittime: 61 contro 97. Più della Germania (57), della Francia (14) e della Polonia (38). Se si esclude l'Italia, nel resto dell'Ue collissioni e deragliamenti provocano meno di 3 morti all'anno. La metà della media italiana. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E questo nonostante i 106 incidenti di questo tipo registrati nel nostro paese tra il 2007 e il 2016 siano un numero nettamente inferiore a quelli registrati, per esempio, in Germania (335) e in Francia (529). In altre parole, da noi ci sono meno collisioni e deragliamenti. Ma gli incidenti sono di maggiore gravità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento