menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ANSA/CESARE ABBATE

ANSA/CESARE ABBATE

Epidemie di morbillo in Italia, è colpa dei No Vax assicura Bruxelles

Studio della Commissione Ue sulla Salute. Sistema sanitario italiano giudicato positivamente, buona speranza di vita ma preoccupazione per i No Vax e per gli effetti dell''invecchiamento della popolazione.

"Un'epidemia preoccupante di morbillo" è stata registrata in Italia nel 2016 e 2017 ed era causata dalla "riduzione delle vaccinazioni". L'accusa arriva dalla Commissione europea che nel suo rapporto sullo Stato della salute nell'Ue snocciola i dati di questa epidemia: 865 casi registrati nel 2016 e 2.851 nel 2017. Dei casi riportati quest'anno, "l'89% delle persone colpite, in gran parte bambini, non erano vaccinati", sottolinea Bruxelles in un nuovo indiretto appello contro i No Vax.

Sistema sanitario promosso, ma affrontare l'invecchiamento della popolazione

Nel complesso, nel suo rapporto, la Commissione Ue promuove il sistema sanitario italiano, riconoscendo che fornisce "contributi importanti per la salute e l'aspettativa di vita della popolazione". I tassi di mortalità in Italia sono "tra i più bassi" dell'Ue, in particolare grazie al numero ridotto di malattie cardiovascolari, dice ancora Bruxelles, riconoscendo progressi sulla lotta al tabagismo e all'alcolismo. L'aspettativa di vita in Italia nel 2015 era di 82,7 anni, contro una media Ue di 80,6 anni. L'Italia si colloca al secondo posto tra i 28 dopo la Spagna. La spesa sanitaria italiana, pari al 9,1% del Pil, è inferiore alla media Ue, pari al 9,9% del Pil. Una delle principali sfide individuate nel rapporto riguarda le malattie croniche dovute all'invecchiamento della popolazione, un fenomeno ancora più forte nel Belpaese. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento