rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
La mossa / Germania

Scholz si rivolge agli emirati del Golfo per sostituire il gas russo

Il cancelliere tedesco andrà in missione in Arabia Saudita, Qatar ed Emirati Arabi, intanto accelera sui nuovi impianti di rigassificazione per importare Gnl

Missione nel Golfo per il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, atteso il prossimo fine settimana in un tour che lo condurrà in Arabia Saudita, Qatar ed Emirati Arabi Uniti. Un viaggio, quello di Scholz, tutto incentrato sulla necessità per la Germania di cercare fonti alternative alla Russia per quanto riguardo gli approvvigionamenti energetici. In Qatar, è probabile che l'attenzione del cancelliere si concentri sulle forniture di gas. Il ministro dell'Economia di Berlino, Robert Habeck, ha concordato a marzo una partnership energetica con l'emirato, ma finora non ci sono stati accordi concreti tra i due Paesi.

Il Qatar è uno dei maggiori esportatori mondiali di gas naturale liquefatto, una delle principali fonti di energia cercata da Berlino come sostituto del gas russo che arrivava in Germania via pipeline. In Arabia Saudita, Scholz incontrerà il principe ereditario Mohammed bin Salman, come ha confermato il portavoce del governo Steffen Hebestreit. Il sovrano 'de facto' del regno è accusato dall'intelligence statunitense del brutale omicidio del giornalista Jamal Khashoggi al consolato generale saudita a Istanbul quattro anni fa. In seguito all'omicidio, Mbs è stato isolato a livello internazionale, ma i suoi legami con gli Stati Uniti e l'Unione Europea da quest'anno sembrano sulla via della normalizzazione.

"L'offerta di gas si sta lentamente ampliando. Il governo è costantemente in trattativa con molti Paesi", ha dichiarato il ministro dell'Economia, ricordando i suoi precedenti viaggi in Qatar e negli Emirati a marzo. Habeck ha parlato a Lubmin, nel nord della Germania, dove il governo spera che una delle due nuove unità galleggianti di stoccaggio e rigassificazione previste dai piani di Berlino possa essere operativa per la fine del 2023. "Dobbiamo dimostrare che in tempi come questi siamo in grado di pianificare, autorizzare e costruire piu' velocemente di quanto non avvenga di solito in Germania", ha detto il ministro. "C'è una buona possibilità realistica che le due navi Fsru" siano in grado di alimentare la rete del gas tedesca a partire dalla fine dell'anno", ha aggiunto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scholz si rivolge agli emirati del Golfo per sostituire il gas russo

Today è in caricamento