rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Energia / Polonia

Putin dà il via alla guerra del gas contro l'Ue

Gazprom chiude i gasdotti verso Polonia e Bulgaria. Von der Leyen rassicura: “Già pronti i piani di emergenza, saremo uniti e solidali”

La guerra del gas è iniziata. La società Gazprom, il colosso energetico russo, ha annunciato di aver interrotto le forniture di gas alla Polonia e alla Bulgaria per rispondere al rifiuto di entrambi i Paesi Ue di pagare le forniture in rubli, come previsto da un decreto presidenziale adottato dal Cremlino il 31 marzo. Una decisione presa nel contesto della guerra in Ucraina e che, secondo la Commissione europea, non lascia nessuno spazio alle interpretazioni. “È l'ennesimo tentativo della Russia di utilizzare il gas come strumento di ricatto” e “questo è ingiustificato e inaccettabile”, ha dichiarato poco fa la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Gli aggiornamenti dalla guerra in diretta

Nella serata di ieri Gazprom ha comunicato a Bulgargaz e Pgnig, le sue controparti bulgare e polacche, che le forniture di gas saranno sospese fino a quando i pagamenti in rubli non verranno effettuati dalle due società. Essendo Polonia e Bulgaria degli Stati di transito del gas verso Paesi terzi, Gazprom ha inoltre avvertito i due Paesi che, in caso di prelievo non autorizzato di gas russo destinato ad altri Stati Ue, le forniture di transito verranno ridotte di un ammontare analogo.

“Siamo preparati per questo scenario e stiamo delineando la nostra risposta coordinata dell’Ue”, è stata la reazione di von der Leyen. “Gli europei - ha aggiunto la presidente - possono confidare che restiamo uniti e solidali con gli Stati membri colpiti”.

“Gli Stati membri hanno messo in atto piani di emergenza proprio per questo scenario e abbiamo lavorato con loro in coordinamento e solidarietà”, ha spiegato von der Leyen per poi annunciare che “in questo momento è in corso una riunione del gruppo di coordinamento sul gas”. “Continueremo inoltre a collaborare con partner internazionali per garantire flussi alternativi” e “con i leader europei e mondiali per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento energetico in Europa”, ha concluso la presidente.

Secondo la polacca Pgnig, la decisione della Russia di tagliare il gas è stata una rappresaglia per il rifiuto di Varsavia di pagare le forniture in rubli, come ha chiesto il mese scorso il presidente Vladimir Putin. La società ha affermato che non vi è alcuna "base contrattuale", mentre il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha accusato Mosca di cercare di “punire” il suo Paese. Il governo ha comunque tenuto a rassicurare i cittadini: "La Polonia ha le riserve di gas e le fonti di approvvigionamento necessarie per proteggere la nostra sicurezza", ha affermato il ministro dell'Energia Anna Moskwa , osservando che gli impianti di stoccaggio del gas del Paese sono pieni per il 76%. La Bulgaria, che è molto più dipendente dal gas russo, ha affermato che sta lavorando per trovare fonti alternative.

Stando a quanto fatto intendere da Gazprom, lo stop alle forniture dovrebbe cominciare in queste ore. Di sicuro, c'è che gli annunci hanno fatto risalire i prezzi del gas, dopo un periodo di relativa calma, facendo registrare mercoledì mattina un balzo del 19% a 117 euro per megawattora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Putin dà il via alla guerra del gas contro l'Ue

Today è in caricamento