rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
La task force

Pompe di calore e termostati intelligenti: così gli Usa aiuteranno l'Ue a liberarsi del gas di Putin

Intesa al G7 tra il presidente Biden e la Commissione europea. Mentre a Bruxelles si discute la direttiva sull'efficienza energetica degli edifici

Gli Stati Uniti promuoveranno la diffusione in Europa di "pompe di calore, termostati intelligenti e soluzioni di risposta alla domanda di energia". Dopo l'aumento delle forniture di gas naturale liquefatto (gnl) raggiunta lo scorso marzo, Washington rilancia il suo sostegno all'Ue sulla sicurezza energetica. In occasione del G7 in Germania, il presidente Joe Biden e il capo della Commissione europea, Ursula von der Leyen, hanno sottoscritto una dichiarazione congiunta per fare il punto sulle misure di cooperazione per controbilanciare l'offensiva della Russia, che "continua a utilizzare il gas naturale come arma politica ed economica".

I due leader sottolineano i risultati raggiunti finora dalla task force congiunta sulla socurezza energetica costituita al summit del G7 a Bruxelles di inizio primavera: "Mentre la Russia ha tagliato le forniture di gas naturale a diversi Stati membri dell'Ue - si legge nella dichiarazione - quelle degli Stati Uniti e di altri produttori si sono intensificate. Da marzo, le esportazioni globali di gnl in Europa sono aumentate del 75% rispetto al 2021, mentre le esportazioni di gnl degli Stati Uniti in Europa sono quasi triplicate". Nonostante la diversificazione delle forniture, Usa e Ue riconoscono "che l'enormità della sfida è significativa". Da qui la necessità di guardare anche alla riduzione dei consumi attraverso l'efficienza energetica.

In tale ottica, la task force ha individuato delle "opzioni per ridurre la domanda di gas naturale" volte a "promuovere la diffusione di pompe di calore, termostati intelligenti e soluzioni di risposta alla domanda di energia". L'obiettivo è di distribuire nel 2022 "almeno 1,5 milioni di termostati intelligenti a risparmio energetico nelle case europee. Tali dispositivi consentono agli utenti di controllare da remoto il calore della propria casa e di gestirne il consumo energetico. Il contributo Usa arriva proprio mentre i ministri dell'Energia dell'Ue sono riuniti a Bruxelles per discutere della riforma della direttiva sull'efficienza energetica, che comprende anche il delicato capitolo dell'edilizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pompe di calore e termostati intelligenti: così gli Usa aiuteranno l'Ue a liberarsi del gas di Putin

Today è in caricamento